Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Sostenibilità: perché acquistare elettrodomestici green è la scelta giusta

Con la riconferma della Legge di Stabilità, torna ancora una volta al centro dei discorsi la questione dell’eco-sostenibilità e del green. Soprattutto se ci si riferisce agli elettrodomestici. Ma di cosa stiamo parlando? Gli elettrodomestici green sono apparecchi di ultima generazione, dotati di alcune caratteristiche precise: posseggono una tecnologia a risparmio energetico, e minimizzano i consumi di acqua e di energia elettrica. Costano di più – è vero – ma consentono di risparmiare soldi in bolletta sin dal primo momento. E le etichette? Sono come dei certificati di qualità: una scala di valori, in base alla quale si può determinare il livello green di un elettrodomestico. E dunque la sua capacità di risparmiare sugli sprechi energetici e idrici. La suddetta scala va da G ad A+++: ma solo da A+ a salire una classe viene considerata “verde”. Elettrodomestici green: un confronto con gli altri. Volendo fare un confronto fra elettrodomestici green, ed elettrodomestici normali, quali sono le principali differenze? Innanzitutto il prezzo e ovviamente, l’etichetta energetica. Ma un apparecchio di questo tipo, ha innanzitutto il vantaggio di essere stato costruito con una tecnologia all’avanguardia: ciò abbatte i consumi ma anche il rumore prodotto. Sostanzialmente è questa la ragione alla base del risparmio portato da questi dispositivi. Inoltre, spesso sono dotati di programmi e di funzioni che ottimizzano ancor di più questo aspetto eco. Fra gli elettrodomestici che vale la pena citare troviamo la lavatrice: è un apparecchio generalmente costoso ma è possibile risparmiare nel suo acquisto rivolgendosi a siti come Monclick, dove ci sono molti modelli di lavatrici in offerta. Con una lavatrice classe A è possibile ottimizzare i consumi grazie alle tecnologie che dimezzano la quantità di acqua utilizzata. Per quanto concerne il frigo, invece, meglio optare per quelli con un motore inverter. Infine, la lavastoviglie: i modelli dotati di programmi elettronici eco sono i migliori. Come utilizzarli al meglio? Mai tenere aperti gli sportelli del frigorifero e mai utilizzare lavaggi a mezzo carico: l’ultima dritta vale sia per la lavatrice che per la lavastoviglie.

Ecobonus elettrodomestici 2017: una semplice guida

La Legge di Stabilità, già accennata all’inizio, prevede al suo interno anche una sezione dedicata agli elettrodomestici. Un eco-bonus che consente di usufruire di una detrazione fiscale pari al 50% dei costi affrontati per il loro acquisto. Le detrazioni Irpef possono essere richieste solo entro un tetto massimo di spesa pari a 10.000 euro. Ma come richiedere l’Ecobonus elettrodomestici 2017? La richiesta può essere mossa nella compilazione del modello 730. Altre informazioni utili su questi bonus? Ecco che torna in ballo l’etichetta energetica: l’accesso alle detrazioni fiscali, infatti, è consentito solo per l’acquisto di apparecchi da A+ ad A+++. Infine, l’ultimo requisito è l’inizio lavori, che non può essere antecedente al 1 gennaio 2016.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

I 18 anni di mio figlio autistico. Finché c’è scuola c’è speranza, e oltre la…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

E così mio figlio autistico ha compiuto i 18 anni...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione