Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Casiello costruisce il primo modellino in scala dello scheletro massiccio del Carro della Bruna


Il 2 luglio prossimo torna a Matera la ricorrenza della festa storica della Bruna, appuntamento religioso e culturale risalente al 1389. Nel 1690 si realizzò il primo carro trionfale ad opera del falegname Leonardo Traietto con la decorazione di don Leonardo Angelino. Il costo? La bellezza di un ducato e quattro carlini. Da 629 anni, la festa dei materani rinasce, si rinnova ogni anno, ma c’è una cosa che non cambia mai: lo scheletro massiccio. Massimo Casiello, da oltre 6 anni si occupa di tornitura e manifattura di oggetti unici realizzati con legni tra i più pregiati, anche quest’anno è stato coinvolto in uno dei lavori più discreti ma importanti, tra i tanti che girano attorno alla festa della Patrona della città di Matera. Ancora una volta ha realizzato la struttura lignea del carro trionfale riportando in auge, dopo un lungo lavoro di ricerca, antiche tecniche perdute per la predisposizione della cartapesta. All’appuntamento del 2 luglio saranno presenti, inoltre, opere in legno tornite che doneranno ancora più pregio ad un carro già incredibilmente ricco di elementi artistici. Ma quest’anno vi è una novità. Casiello è voluto andare oltre. Ha realizzato una scatola di montaggio dello scheletro massiccio attraverso una fedele riproduzione in scala 1:16 composta da 100 componenti da montare e poi personalizzare. Un piccolo manufatto in 3D di 63 cm di lunghezza, 14 cm di profondità e 34 cm di altezza. Un’opera unica che permetterà a tutti i materani e i devoti della festa di portare finalmente a casa una riproduzione del carro da montare e personalizzare. Nell’era dei social network è anche stato lanciato un concorso che vedrà premiare la personalizzazione dello scheletro massiccio realizzato da Casiello, con un angelo di cartapesta realizzato dal Maestro Raffaele Pentasuglia che ha firmato il Carro 2018. “Mentre la parte esterna con l’atto dello ‘strazzo’- ci dice Massimo Casiello raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione-  viene in qualche modo condivisa con la città, lo scheletro massiccio rimane l’unico elemento su cui la città stessa può ripartire l’anno successivo. Come delle fondamenta solide su cui rinascere, lo scheletro massiccio è sempre lì a fare il suo dovere, a portare la Patrona di Matera in processione e a permettere ad una delle città più antiche del mondo di continuare anno dopo anno in questo suo processo resiliente di distruzione e rinascita.” Un lavoro di alta qualità nato anche dal suo impegno nella costruzione del più importante e imponente Carro della Bruna. “Ho costruito il Carro per l’appuntamento del 2016 – sottolinea Casiello – e quello di quest’anno soltanto che per questo appuntamento ho pensato ad un’iniziativa particolare come la costruzione della miniatura che sarà messa in vendita. Tutti quelli che lo acquisteranno e realizzano una loro opera con questo modellino parteciperanno ad un concorso dove potranno vincere un angelo fatto in cartapesta in scala reale che sarà donato dal maestro che ha fatto il Carro 2018”. Queste le parole del maestro Casiello che trasmette tutto l’amore per la sua città che lo ha riaccolto dopo anni di esperienze fatte in giro per l’Italia.

Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione