altSANT'ARCANGELO – Il Centro Regionale Lucano dell'Accademia di Storia dell'Arte Sanitaria "Centro studi sulla popolazione Torre Molfese" presenterà sabato 26 maggio, dalle 9 e 30, il convegno titolato "L'emigrazione a 150 anni dall'Unità d'Italia. Dalla Basilicata sotto tutti i cieli", nella splendida cornice del Monastero di Santa Maria di Orsoleo. Il tema oggetto dei lavori della giornata studio, rispetto al quale la nostra società è particolarmente sensibile, è ancora di grande attualità . Si tratta di un'occasione ghiotta per affrontare l'argomento in modo organico, analizzandone gli aspetti delle sfaccettature e implicazioni che comporta.

 

Aprirà i lavori il medico e giornalista Antonio Molfese, seguito dai saluti del primo cittadino di Sant'Arcangelo, Domenico Esposito. Prenderanno la parola durante la mattinata convegnistica anche Antonio Martino , Primario Chirurgo, che relazionerà sul tema "emigrazione e malattie" , il Direttore del Museo dell'Emigrazione di Gualdo Tadino, Catia Monacelli che affronterà la tematica "museo tempio della memoria", il Direttore dell'Archivio di Stato Potenza, Valeria Verrastro che illustrerà all'uditorio le fonti dell'Archivio di Stato di Potenza per la storia dell'emigrazione lucana. Interverranno inoltre il Direttore della Cineteca Lucana, Nino Martino, sul tema "l'emigrazione raccontata dai filmati", il Direttore del Centro studi Emigrazione di Roma, Padre Vincenzo Rosato sul ruolo della Chiesa nel sostegno all'emigrazione, il Presidente della Commissione Regione Basilicata dei "Lucani all'estero", Antonio Di Sanza, che descriverà il rapporto tra la Regione Basilicata e le associazioni dei lucani nel mondo. In conclusione l'attore- regista Carlo Molfese affronterà il tema della "canzone nell'emigrazione", mentre il Presidente della Pro Loco di Sant'Arcangelo, Decio Scardaccione, quello dell' emigrazione come fenomeno sociale.

Valeria Gennaro

0
0
0
s2sdefault