Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Il consiglio comunale di Tursi approva il piano di riequilibrio e salva l’Ente dal fallimento

Il comune di Tursi approva il piano di riequilibrio pluriennale ed evita il potenziale default dell’Ente. E’ stato un consiglio comunale fiume, durato circa sei ore, quello di lunedì scorso dove si è discusso ed approvato tra i tanti punti all’ordine del giorno, il Piano di Riequilibrio pluriennale come indicato dall’art. 243-bis del testo unico degli enti locali. Il Piano di Riequilibrio pluriennale che èstato approvato recita il comunicato stampa dell’ente comunale - prevede una serie di tagli e di aumenti per far fronte all’ingente situazione debitoria dell’ente. Nello specifico, sono state ritoccate al rialzo le aliquote dell’addizionale comunale IRPEF, IMU, TASI e TOSAP per l’anno 2016.Il Piano prende in considerazione – precisa l’ente civico cittadino- anche l’adozione della procedura di pre-pensionamento per i dipendenti in possesso dei requisiti ed il taglio dei crediti esigibili dai fornitori. Nelcomunicato sono evidenziati  tagli che colpiranno anche gli amministratori con la rinuncia totale all’indennità di carica dal febbraio al dicembre 2016 e nella misura del 50% per tutto il 2017. “La responsabilità che l’amministrazione si sta assumendo oggi – ha affermato il Sindaco Cosma – è molto grande. E’ innegabile che fa male dover mettere le mani nelle tasche dei cittadini ma adesso si è reso necessario un intervento deciso per combattere un indebitamento strutturale che paralizza l’ente. Per dare l’esempio, tutti noi abbiamo deciso di rinunciare per il 2016 al nostro compenso, perché non si possono chiedere solo sacrifici ai cittadini ma anche noi, come amministratori, abbiamo l’obbligo di porci al loro fianco e non al di sopra, evitando populismi e demagogia che troppo spesso e facilmente minano la nostra comunità”. Va ricordato che, qualora ricevesse parere favorevole da parte del Ministero dell’Interno e della Corte dei Conti, il Comune di Tursi entrerà nei comuni per il fondo rotativo di assistenza statale che, tradotto in parole povere, prevede un aiuto sostanzioso da parte dello Stato in base al numero di abitanti residenti sul territorio. Altro cospicuo aiuto dovrebbe arrivare dalla Regione Basilicata nel prossimo assestamento di bilancio regionale. Il Piano di Riequilibrio potrà essere rimodulato di anno in anno, a seconda della situazione finanziaria dell’ente. Per cui ci si augura che il tempo dei sacrifici per i cittadini, sia limitato.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Editoriale

Il Natale che non c’è e la luce della vera stella

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

A giudicare dall’effluvio di messaggi, video e citazioni che diffondono...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione