Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Scanzano J., centro sociale anziani. Ripoli, entro 45 giorni tutto sarà regolarizzato

Scanzano Jonico - La Giunta comunale di Scanzano Jonico, ha dato seguito all’ordinanza di sgombero dei locali di via De Gasperi numero 8, sede del Centro Sociale Anziani. Nella prima mattinata di ieri, dopo le ore 7,00, i tecnici del Comune accompagnati dal comandante dei Vigli Urbani, Pietro Nigro, hanno dato esecuzione al provvedimento sindacale mettendo nuovi lucchetti alle porte di entrata. Una storia da tempo all’attenzione della città con dissidi e contestazioni tra l’Associazione Anziani e la stessa Civica amministrazione. Storia legale con denunce presentate da varie altre associazioni presenti sul territorio sfoggiate, alcune, anche in denunce penali presso la Procura competente. Tante e diverse le contestazioni nei confronti del Sindaco Raffaele Ripoli da parte dell’Associazione Anziani. “Preciso subito- sottolinea il Sindaco Ripoli – che il provvedimento non vuole creare problemi agli anziani e a nessun’altra associazione. L’Associazione degli anziani si trova in quel locale in maniera illegittima per una cattiva gestione della vecchia amministrazione. Il desiderio della mia persona è quella della nuova amministrazione è quella di regolarizzare tutte le associazioni presenti sul territorio. Per fare questo è necessario che tutte rilascino gli immobili comunali. In questo momento tutte hanno restituito le chiavi. Il C.S.A non l’ha ancora fatto impendendoci di redigere un avviso pubblico a cui potranno partecipare anche gli anziani. Credo che cosi facendo tutti avranno una loro propria sede, pero questa volta in maniera legale”. Di senso opposto il Presidente del Centro sociale Anziano, Mario Vitale. “Come Associazione – precisa Mario Vitale- siamo disponibili ad un incontro con la pubblica amministrazione e il Sindaco Ripoli per trovare un punto di incontro perché questa situazione non potrà continuare all’infinito. Il dato di fatto è che noi non da questi locali non usciremo mai”. Amministrazione comunale e Sindaco decisi ad andare fino in fondo pur di valorizzare al meglio il principio di legalità. Sulla stessa frequenza anche il comandante dei Vigili Urbani Pietro Nigro, esecutore del provvedimento. “Dopo diverse proroghe al provvedimento redatto dal dirigente dell’ufficio tecnico – precisa il Comandante Nigro –abbiamo dato semplicemente seguito al provvedimento. Del resto l’amministrazione ha ritenuto giusto seguire la via della regolarizzazione e disciplinare in maniera legale questa circostanza. Dispiace un pò della vicenda perché tutte hanno consegnato le chiavi, addirittura la Protezione Civile che è il braccio operativo della civica amministrazione, mentre gli anziani hanno continuato a fare resistenza”. Ora l’avviso pubblico sarà immediato. “L’avviso pubblico – precisa il Sindaco di Scanzano, Raffaele Ripoli- con ogni probabilità sarà pubblicato la fine della settimana prossima sul sito istituzionale anche perché abbiamo adottato una formula molto snella. Tempo 45 giorni è la questione sarà chiusa. Alla fine ci metteremo a tavolino con tutte le associazioni che comunque avranno una loro sede. Questa volta, pero, in maniera legale”.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione