La scelta di Cgil, Cisl, Uil di tenere la manifestazione centrale del Primo maggio nell’area antistante la Galleria “Renazza” sul tratto lucano dell'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria dove il 30 marzo scorso si è verificato l’ultimo incidente mortale in un cantiere edile lucano è salutata positivamente dal C.P.T. ( Comitato Paritetico Territoriale per la prevenzione  infortuni, igiene e ambiente di lavoro di Potenza e Provincia). L’Ente Bilaterale senza scopo di lucro, costituito negli anni novanta con un  accordo  tra la sezione provinciale  costruttori edili (ANCE) della provincia di Potenza e  le organizzazioni sindacali dei lavoratori edili  ( Feneal-Uil, Filca-Cisl , Fillea-Cgil) – che ha promosso un nuovo sito web ( www.cptpotenza)  – sottolinea il significato dell’iniziativa sindacale che rafforza l’impegno dello stesso Comitato per la divulgazione delle buone pratiche  e della cultura della prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro.
“Certamente – sostiene l’Ing. Emanuele Sapienza,  Presidente del CPT  - non vogliamo più assistere al dolore di una famiglia perché un congiunto è vittima o ha subito un infortunio sul luogo di lavoro , vogliamo che i nostri lavoratori e le imprese  conoscano bene le modalità per lavorare in sicurezza.  Questo è possibile solo se riusciamo a far passare un messaggio chiaro:  si può lavorare in sicurezza ed è possibile solo se i nostri cantieri sono un luogo sicuro, con soggetti capaci di progettare sicurezza e di farla praticare a tutti i lavoratori. La problematica degli incidenti sul lavoro, specie nel settore edili, considerato uno dei settori più a rischio, per la tipologia delle lavorazioni e a volta per l’improvvisazione  dei suoi addetti – continua l’ing. Sapienza – è sempre più complessa. Il testo unico 81/08 ha cambiato l’approccio all’annosa questione delle norme sulla sicurezza. Però la sola legge non basta, noi abbiamo il compito di divulgare la cultura della sicurezza e le buone pratiche. Per questa ragione, abbiamo presentato , il 10 aprile scorso – aggiunge - il sito dell’Ente, dove è possibile trovare una serie di indicazioni e consiglio oltre alla consulenza dei tecnici, che sono disponibili a  recarsi sul cantiere e dare il loro apporto.  E tra le nuove iniziative stiamo organizzando un seminario dove inviteremo tutti gli attori dl mondo delle costruzioni, compreso l’INAIL, con la quale pensiamo di fare un protocollo di intesa per un progetto sulla sicurezza”.
Il presidente del C.P.T. infine evidenzia che “considerato che  la nostra struttura è autofinanziata, siamo riusciti ad avere la collaborazione con due validi tecnici che avranno il compito di essere da supporto a tutti quegli imprenditori che lo richiederanno, poiché noi non siamo un organo ispettivo, ma siamo un Ente di consulenza  e  di formazione per quanto attiene alla sicurezza sui cantieri edili”.

0
0
0
s2sdefault