Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Senise, controlli con fototrappole per le discariche abusive. Spagnuolo, pesanti sanzioni per i trasgressori

 

SENISE – Prosegue l’azione di contrasto dell’Amministrazione comunale di Senise contro gli incivili che abbandonano i rifiuti. Dopo numerose segnalazioni da parte dei cittadini, i controlli dei tecnici comunali e dalla Polizia Municipale hanno portato all’individuazione di numerose discariche abusive, specialmente nei pressi del torrente Serrapotamo e di zona Cappuccini. «Siamo a lavoro – dice la Sindaca Rossella Spagnuolo – per individuare i responsabili, ma soprattutto per evitare che il nostro territorio sia una discarica a cielo aperto. Ci sarà l’acquisto di fototrappole, con fondi comunali, che saranno installate a turno, ogni due giorni, sull’intero territorio comunale, per identificare i trasgressori e punirli ai sensi della legge con pesanti sanzioni. Inoltre, in seguito ad un incontro avuto il 12 aprile scorso con il Dipartimento Ambiente Ufficio Ciclo dell’Acqua della Regione Basilicata, con lo stanziamento di circa quarantamila euro per la bonifica delle aree e il ripristino naturale dei luoghi. Sono state già erogate multe salate e continueremo ad agire». Per quanto riguarda gli illeciti commessi dai soggetti che esercitano attività d’impresa: la pena va dall’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da 2.600 euro a 26.000 euro se si tratta di rifiuti non pericolosi. Pena dell’arresto da sei mesi a due anni e con l’ammenda da 2.600 euro a 26.000 euro se si tratta di rifiuti pericolosi. Invece per i soggetti privati, la sanzione amministrativa pecuniaria va da trecento euro a tremila euro. Infine, chiunque appicchi il fuoco a rifiuti abbandonati, ovvero depositati in maniera incontrollata in aree non autorizzate, è punito con la reclusione da due a cinque anni. «È in programma la bonifica dei luoghi interessati. Pertanto - conclude Spagnuolo - preghiamo tutti al rispetto dell'ambiente e al senso civico. Invitiamo inoltre, a segnalare le infrazioni, visto che in molti sanno dei responsabili». «L'attività sarà concentrata su tutto il territorio comunale – spiega il Comandante della Polizia Municipale Rosalba Di Bitetto - dove abbiamo riscontrato delle criticità segnalate dai cittadini. Controlli che si estenderanno su tutto il territorio comunale con attività di monitoraggio, prevenzione e sorveglianza con appostamenti mirati a prevenire l'emergenza, anche attraverso la verifica dei sacchetti per risalire agli autori. I trasgressori successivamente saranno costretti al ripristino dei luoghi interessati. Inoltre, – conclude - i controlli saranno intensificati per il corretto conferimento dei rifiuti all’isola ecologica e nell'attività di raccolta porta a porta da parte degli operatori ecologici». Purtroppo ancora troppi incivili con questi assurdi comportamenti, che dimostrano di non avere il minimo rispetto per se stessi, né tanto meno senso del vivere civile. E’ veramente intollerabile che molte zone siano trasformate in discariche a cielo aperto, solo per pigrizia di queste persone che, nonostante abbiano tutti gli strumenti a disposizione, si disfano dei loro rifiuti, senza rispettare le norme.

Claudio Sole

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Abbiamo 155 visitatori e nessun utente online

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione