Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Il Parco Appennino Lucano risponde al sindaco Borneo: così danneggi i tuoi cittadini

“Apprendiamo con rammarico dagli organi di stampa la decisione del sindaco Claudio Borneo di ritirare la rappresentanza del comune di San Chirico Raparo dall’Ente Parco dell’Appennino Lucano, privando in tal modo la sua comunità della possibilità di portare la propria voce e le proprie istanze nell’unico organo di rappresentanza di tutti i comuni, e privandola anche delle innumerevoli opportunità offerte dalla comunità del Parco.”
È quanto si legge in un comunicato dell’Ente Parco Appennino Lucano in merito alla polemica scatenata dal sindaco di San Chirico Raparo Claudio Borneo nei giorni scorsi sulla stampa.
“Tuttavia va considerato che il comune di San Chirico Raparo non ha mai goduto di una grande rappresentanza nel Parco, perché il suo sindaco, pur convocato come tutti nell’organo collegiale di cui fa parte, ha ritenuto opportuno non partecipare nella stragrande maggioranza dei casi. La sua presenza presso gli uffici dell’Ente si limitava alla rappresentazione delle innumerevoli richieste di forzare i vincoli di protezione dell’area protetta, quando il comune aveva chiesto di eseguire interventi non permessi a causa della presenza nell’area interessata di un pregiato sito di chirotteri.
Nel merito si tratta della richiesta di interventi in Grotta San Michele sotto l’abbazia Sant’Angelo, per renderla più accessibile alla fruizione turistica. All’interno della grotta c’è una pregiata riserva di circa 2000 esemplari di chirotteri, per cui l’Ente ha esposto le ragioni dei vincoli. A quella richiesta seguì una interlocuzione tra Parco e Comune di San Chirico Raparo, che ha portato anche alla produzione da parte di un esperto di una relazione sulla eseguibilità dei lavori nella grotta, giudicata di grande pregio naturalistico, che riduceva in maniera considerevole la possibilità di realizzare quanto richiesto dal sindaco Borneo. Convocato per cercare una soluzione al problema il sindaco non si è più presentato presso gli uffici dell’Ente, ben sapendo che la concessione dell’autorizzazione da lui richiesta avrebbe rappresentato un illecito penale che avrebbe voluto far commettere ad altri, non essendo disposto ad assumersi la responsabilità della forzatura del vincolo. Evidentemente tutte queste cose il sindaco Borneo dovrà spiegarle ai suoi concittadini, spiegando loro anche per quale motivo il comune di San Chirico Raparo non sarà più rappresentato nell’Ente Parco.
Sarebbe opportuno, infatti, che un sindaco prendesse parte alle attività di una istituzione in cui si decidono le sorti dei propri cittadini, e non si comportasse come nel caso del Piano del Parco a cui si sta lavorando da mesi. Proprio in occasione dei lavori di quest’ultimo, è giusto che i concittadini di Borneo sappiano che il Piano Economico e Sociale, che riguarda tutti i comuni, è stato approvato senza la presenza del sindaco Borneo, anche se in quella circostanza sono state prese decisioni che interessano anche i cittadini che egli rappresenta.
Anche il controllo sui progetti citati dal suo comunicato sarebbe più facile da esercitare direttamente se solo si recasse, in qualità di sindaco, presso gli uffici del Parco, senza la necessità di chiedere lumi a mezzo stampa, atteggiamento di sicuro strumentale e volto solo a tentare lo screditamento dell’Ente. Va detto infine, a tal proposito, che i progetti citati sono stati deliberati in sede di Consiglio Direttivo, in cui è presente una rappresentanza dei comuni la cui compagine è stata eletta anche grazie al voto di Borneo. Se i sindaci dei 29 comuni della Comunità del Parco hanno ritenuto di non scegliere Borneo tra i propri rappresentanti in tale organo direttivo non è certo imputabile all’Ente Parco.”

Il comunicato del sindaco di San Chirico Raparo Claudio Borneo
“Nella giornata di ieri (10 aprile ndr), la Giunta Municipale, con una propria deliberazione, (N.48) che a breve l'intero Consiglio Comunale ratificherà, ritira la rappresentanza del Comune di San Chirico Raparo dall’Ente Parco Nazionale dell’Appenino Lucana Val d’Agri – Lagonegrese”. Questo è quanto dichiarato dal Sindaco Claudio Borneo.
Un atto che nasce dalla presa di coscienza di non voler invertire un modus agendi e operandi da parte dell’attuale strutturazione dell’Ente. Sicuramente alcuni tireranno un sospiro di sollievo da questa mia scelta, che ribadisco non riveste carattere personale, ma i cittadini (a cui noi amministratori dobbiamo rispondere) devono capire i motivi di un gesto così forte.
“Sarà mia premura andare – continua Borneo- per i Comuni della Valle chiedendo ospitalità ai miei colleghi o condividendo assieme uno spazio pubblico. Il bene comune mi spinge a conoscere lo stato di attuazione del Piano dell’Ente Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val D’Agri Lagonegrese, considerati i tempi previsti ed i costi preventivati; lo stesso bene comune ricerca la conoscenza dei i risultati rispetto al monitoraggio ambientale (bacini, matrici, camminamenti e quindi Simba, Progetto Security e tele monitoraggio ambientale). Se non dovesse bastare chiedo se è blasfemo informare i cittadini sulla gestione del personale, dalle sue declaratorie ai provvedimenti di comando e/o mobilità o anche avere piena cognizione degli attori del Parco (non essendo pubblicato il testo delle determinazione nel relativo sito internet.
“Sarà mia premura inviare la deliberazione di Giunta, con le motivazioni in uno, a tutte le Istituzioni interessate (Ministero, Regione, i colleghi Sindaci, Magistratura amministrativa, contabile e ordinaria) nonché a tutti gli organi di informazione.”
“Mi piace utilizzare questa frase – conclude il Sindaco - per dire ai giovani della nostra Lucania che: “C'è una primavera che si prepara in questo inverno apparente” … Coraggio
 

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione