Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Serbatoi Cova, Dip. Ambiente: diffide regionali nuovamente efficaci

“Con la Camera di Consiglio tenutasi ieri al Tar per la Basilicata è cessata l’efficacia  del Decreto Presidenziale  n. 43/2016 con cui era stata concessa la sospensione provvisoria dei provvedimenti  emanati dalla Regione ed impugnati da Eni: pertanto  le Diffide regionali hanno riacquistato efficacia ed in quanto pienamente valide devono essere ottemperate”. Lo comunica il Dipartimento Ambiente ed Energia della Regione Basilicata. “Al termine   della discussione in Camera di Consiglio fissata per la decisione in ordine alle misure cautelari avanzate da Eni, cui ha partecipato la dirigente generale del Dipartimento Ambiente ed Energia avv. Carmen Santoro  che aveva espressamente  richiesto di essere audita, il Tar ha ritenuto non pronunciarsi sulla domanda cautelare ed ha comunicato che avrebbe proceduto alla emanazione di Sentenza  breve. La Regione ha  fortemente evidenziato la insussistenza dei presupposti previsti dagli articoli 55 e 56 del c.p.a. “pregiudizi gravi ed irreparabili” ed “estrema gravità ed urgenza”, per la concessione della misura cautelare  richiesta da Eni  in quanto i presunti pregiudizi invocati dalla società ricorrente, configurabili  esclusivamente in danni aziendali patrimoniali, certamente non presentano la connotazione dell’irreparabilità e devono ritenersi recessivi a fronte dei danni gravi ed irreparabili che potrebbero derivare all’ambiente e alla salute, sottolineando che l’interesse pubblico alla salute costituzionalmente garantito deve ritenersi prevalente e non può affievolirsi a fronte di interessi esclusivamente privati. La Regione ha  evidenziato che il serbatoio V220-TB-001B privo di doppio fondo non garantisce la tutela e la salvaguardia ambientale e che  l’ENI  non ha fornito alcuna prova certa sulla integrità e sicurezza del serbatoio, tant’è che ha tentato di provare la tenuta  del serbatoio con il metodo Tracer Tight”. L’avvocato Santoro ha evidenziato che il metodo Tracer Tight è un metodo per il monitoraggio (indiretto)  e non certamente  una misura preventiva o risolutiva di una eventuale perdita; ne consegue che tale misura di monitoraggio non può considerarsi in alcun modo alternativa a una misura strutturale e preventiva, ovvero sostitutiva della realizzazione dei doppi fondi nel serbatoio V220-TB-001B, ragion per cui la Regione ha diffidato  Eni  “dall’ esercire i serbatoi privi, allo stato attuale, di doppi fondi quali V220-TB-001°/B/D garantendo la conformità dell’esercizio utilizzando esclusivamente il serbatoio V220-TB-001C che allo stato attuale risulta l’unico dotato di doppi fondi”.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

La tentazione pigliatutto della sindaca-segretaria. Ma ora lo Statuto dice che deve dimettersi

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Con il primo consiglio comunale parte ufficialmente l’amministrazione a guida...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato