Intitolato a Grazia Gioviale il giardino posto in Via dell’Unità di Italia, a valle di Piazza della Costituzione Italiana, nel quartiere Poggio Tre Galli. La giovane studentessa lucana, barbaramente uccisa a coltellate a soli 18 anni dal fidanzato. A Grazia è stata dedicata una targa su cui è impressa l’espressione “vittima di femminicidio”. A deciderlo la Giunta Comunale di Potenza con un provvedimento attraverso il quale si intende proseguire nell’azione di sensibilizzazione della cittadinanza non solo attraverso i convegni sul tema della violenza contro le donne, ma anche attraverso la toponomastica, in quanto strumento particolarmente efficace nel perpetuare la memoria delle vittime e fungere da monito per le future generazioni. La morte di Grazia -dice il sindaco Santarsiero ha dimostrato ancora una volta che il femminicidio è un fenomeno trasversale che ha radici profonde e che interessa tutte le comunità, nessuna esclusa, anche una comunità come quella lucana. E l’Amministrazione comunale di Potenza vuole ricordare il sorriso di Grazia Gioviale e non dimenticare la sua drammatica morte avvenuta con tanta violenza. La consigliera regionale di Parità Maria Anna Fanelli, ha dichiarato: E’ la prima volta che cio’ avviene in Basilicata e in Italia. La targa è  destinata senz’altro a suscitare un impatto forte “per fare in modo che sia sempre più evidente per tutti, l’esistenza del femminicidio come conseguenza di una diffusa violenza di genere anche nella società lucana”. Inoltre questa targa aiuterà a riconoscere e condannare questi fenomeni e a sentirsi solidali con le donne che li subiscono, in modo da richiedere alla società di proteggerle da pericoli tanto grandi e a volte misconosciuti.

Filomena Latronico

0
0
0
s2sdefault