Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Scatta l’allarme per l’acqua di Monte Cotugno quando «Tempa Rossa» andrà in funzione

 

Gli ambientalisti chiedono indicazioni sugli scarti che avverranno a Tempa Rossa. Ma soprattutto, che acqua berremo quando il nuovo Centro Olio della Total andrà a regime in Val d’Agri. Il coordinamento regionale di No Triv Basilicata, Coordinamento regionale di Acqua Pubblica Basilicata e Mediterraneo No Triv in una nota congiunta informano i cittadini di cosa sta avvenendo nel nuovo Centro Olio della Total, che a breve entrerà in funzione, nel territorio di Corleto Perticara, chiedendo agli Enti competenti, atti relativi alle modalità di smaltimento delle acque di produzione. Di seguito la nota integrale: Fra poche settimane entrerà in funzione il secondo Centro Olio (centro di prima raffinazione del petrolio) lucano: quello di Tempa Rossa nel comune di Corleto Perticara. Altri 50.000 barili di petrolio estratti ogni giorno che comporteranno, come è ovvio, la produzione di una nuova grande quantità di rifiuti, fra cui le “acque di produzione”, ossia acque estratte insieme con il greggio, fortemente inquinate sia chimicamente che radiologicamente. Il sistema di smaltimento scelto da Total per queste acque è diverso da quello utilizzato da ENI al COVA di Viggiano, dove esse vengono reiniettate a pressione nel pozzo esausto di Costa Molina 2 (Montemurro). La compagnia francese ha previsto, nel suo progetto originario, di “depurare” queste acque – potenzialmente radioattive – in una vasca da 12.000 metri cubi, per poi sversarle nel torrente Sauro, un affluente del fiume Agri che si collega mediante la traversa del Sauro alla diga di Monte Cotugno  a Senise, il nostro più grande invaso – capienza pari a 482 milioni di metri cubi di acqua – che fornisce acqua per uso potabile ed irriguo a Basilicata, Puglia e Calabria settentrionale. E’ facile comprendere quale sia l’enorme rischio insito in questo sversamento: qualunque malfunzionamento o disguido oppure errore tecnico nell’effettuazione o nei controlli della “depurazione” da parte di Total, causerebbe un immane disastro ambientale, mettendo a rischio la salute e la vita dei milioni di cittadini serviti dalla diga. Probabilmente è proprio tenendo conto dell’enormità del rischio che la Regione aveva imposto alla Total di fornire, entro il 2016, degli studi che individuassero soluzioni alternative nello smaltimento delle scorie. Ad oggi, però, sembra che non ci siano notizie ufficiali circa l’effettiva redazione di studi di questo genere ed è per questo che il Coordinamento Regionale No Triv di Basilicata, il Coordinamento Regionale Acqua Pubblica di Basilicata e l’Associazione Mediterraneo No Triv hanno chiesto al Ministero dell’Ambiente, al Ministero dello Sviluppo Economico nonché all’Amministrazione ed agli Uffici Regionali di fornire dati certi in merito alle modalità ad oggi previste per trattare e smaltire le acque di produzione di Tempa Rossa. I cittadini hanno il diritto di essere informati su ciò che accade e di essere tutelati dalle istituzioni; sono già troppe le devastazioni operate sul territorio lucano perché possiamo continuare ad assistervi senza reagire.

 

Banner Marf

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione