Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Il parco Appennino Lucano dice "no" ad ENI. Il progetto di perforazione del pozzo "ALLI5" è inammissibile

L’istanza presentata da ENI, circa il progetto di perforazione e messa a produzione del pozzo “ALLI5”, è inammissibile. Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano esprime parere sfavorevole alla richiesta presentata da ENI di nuova perforazione nell’Area Cluster Sant’Elia 1-Cerro Falcone 7, che si trova in località Civita di Marsico Vetere, dove già sono presenti due pozzi attivi nell’ambito della concessione “Val d’Agri”.
L’Ente Parco ha trasmesso le proprie osservazioni al Ministero dell’Ambiente in merito alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale relativa alla richiesta dell’ENI, motivando la propria contrarietà al progetto con gli effetti negativi che un’ulteriore perforazione arrecherebbe alla biodiversità e agli ecosistemi essenziali per l’avifauna. 
L’area interessata alla richiesta di perforazione, pur non rientrando nel perimetro del Parco, ne dista circa 900 metri, e sorge a poco più di un chilometro dalle aree ZSC di Monte della Madonna di Viggiano e di Monte Volturino, e dall’area ZPS Appennino Lucano.
L’area di estrazione petrolifera, inoltre, è compresa in una vasta area perimetrata come IBA (Important Bird Areas) che ha una superficie di oltre 110.295 ettari e si pone in continuità con altre due importanti IBA, che sono quella del “Pollino e Orsomarso” e quella dei “Calanchi della Basilicata”.
Si tratta, come si evince da tali dati, di un’area di grande interesse ambientale che sarebbe sicuramente danneggiata da ulteriori pozzi di estrazione petrolifera. Essa rappresenta, infatti, un vero e proprio corridoio ecologico con la presenza di un cospicuo numero di specie avifaunistica, come riportato nei formulari di Rete Natura 2000.
I rilievi riportarti dalle osservazioni del Parco dimostrano come l’incremento delle attività estrattive dell’area porterebbero a un inquinamento acustico insopportabile per la fauna ornitica presente nell’area, che causerebbe cospicui danni a specie protette di elevato valore naturalistico.
Tutte queste circostanze, accuratamente approfondite dagli uffici dell’ente, hanno portato la direzione a esprimere la propria contrarietà al progetto di perforazione del pozzo di estrazione “ALLI 5”, nel rispetto della funzione di salvaguardia e protezione del capitale naturale che la legge attribuisce agli enti Parco.

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione