La notizia è affidata ad uno scarno comunicato diramato dal Gal La Cittadella del Sapere. Ma il blocco delle attività del Volo dell’Aquila, ferme ancor prima di partire, è un colpo destinato a far rumore. I problemi sarebbero legati alla polizza assicurativa, ma chiunque può intuire che questa circostanza è legata strettamente ad aspetti progettuali eventualmente non del tutto corretti. Eppure la nota del Gal comunica semplicemente che “a causa dell'impossibilità verificata di contrarre una polizza assicurativa adeguata alla particolarità dell'iniziativa, non sarà possibile nell'immediato avviare le attività del Volo dell'Aquila. Si rinvia pertanto l'apertura a data da destinarsi, che sarà comunicata a seguito della sottoscrizione della polizza assicurativa". Ciò significa che l’estate 2013 è saltata e che i turisti continueranno ad arrivare a San Costantino con la voglia di volare senza averne la possibilità. Un colpo da non sottovalutare per il turismo del Pollino già martoriato dalle scosse di terremoto dell’anno scorso.

0
0
0
s2sdefault