Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Francavilla, ritrovata la statua dell’Assunta trafugata sei anni fa. Sabato ritorna nella sua Cappella

 

Sabato 11 agosto, la statua dell’Assunta ritornerà nella propria Cappella situata a circa sei chilometri dal centro cittadino, in contrada San Biase. Luogo di proprietà e di piena devozione della famiglia Viceconte. La cappella è del XIX secolo ed è stata restaurata alcuni anni fa. Il 29 marzo del 2012 come ben si ricorderà, ignoti professionisti, aiutati dal silenzio della notte, trafugarono il rilievo della Madonna del 1700. L’occasione fu anche quella per impossessarsi anche del tabernacolo delle ostie lasciando soltanto due angioletti di gesso situati ai piedi della Vergine Santissima. Ad accorgersi dell’incresciosa circostanza fu all’epoca un muratore che nel passare vide il portone della Chiesa completamente spalancato. Nell’entrare si accorse dell’assenza della statua nel luogo riposto. Fu prontamente informato l’attuale Sindaco, Francesco Cupparo, il Parroco Don Francesco Lacanna e i Carabinieri della Stazione di Francavilla In Sinni i quali congiuntamente con i colleghi del Nucleo Operativo di Senise effettuarono gli accertamenti del caso. Ora a distanza di ben sei anni il ritrovamento. La statua è stata ritrovata alcuni mesi fa dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli. I militari, in un’operazione effettuata in provincia di Napoli tra le tante opere trafugate si sono imbattuti proprio nella statua della Madonna dell’Assunta. Una volta effettuati i dovuti riscontri e accertamenti ne hanno dato comunicazione alle autorità civili e religiose del Comune Francavillese e alla stessa famiglia Viceconte tramite il Senatore Guido Viceconte che da subito aveva seguito direttamente l’intera vicenda. In successione di tempo, il Senatore Viceconte si è prontamente prodigato per il ritiro della statua presentandosi presso il Comando Nazionale della tutela del patrimonio al comando del generale Parrullo. “L’efficienza e la competenza- ha dichiarato il Senatore Guido Viceconte, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione- ancora una volta ha permesso di risolvere un intrigante quanto oscura vicenda che aveva leso i valori religiosi della comunità di Francavilla in Sinni. Del resto l’arma dei Carabinieri ogni qualvolta si trova in situazioni similari dimostra di essere una delle eccellenze storiche di tutela e garanzia della nostra sicurezza”. La statua sarà sottoposta a qualche importante restauro visto che appaiono amputate pollice e indice della mano destra. La statua sarà accolta dalla popolazione il 9 agosto prossimo, ore 18,00, nella Piazza Amendola e portata in processione nella Chiesa madre per una funzione religiosa.

Oreste Roberto Lanza

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione