Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

A Melfi uccide moglie e poi si suicida

 

Un uomo di 33 anni a Melfi questa mattina ha sparato alla moglie di 27 e si è poi suicidato. L'omicidio-suicidio è avvenuto intorno alle 7.30 nella loro abitazione del centro storico della cittadina lucana in cui abitavano. Secondo quanto si è appreso, l'uomo era una guardia giurata. Sull'episodio sono in corso indagini e accertamenti da parte dei Carabinieri del Comando provinciale di Potenza. Si trattava, dicono i conoscenti, di una coppia apparentemente serena, che mai ha destato sospetti del loro malessere quotidiano. Il matrimonio è stato celebrato circa un anno mezzo fa. Lui, Antonio Girardi, 33 anni di Melfi, lei 27 straniera originaria dell’Est Europa. Non è ancora chiaro il movente che avrebbe spinto Antonio a uccidere con un’arma da fuoco la giovane donna e poi a togliersi la vita con la stessa arma. Sono in corso adesso le indagini per capire la vera dinamica dell’accaduto. Nella cittadina federiciana è tanto lo sgomento per la triste storia consumata.

 

 

 

 

 

Commenta l'articolo

 

Editoriale

2 aprile: accendiamo di blu il cielo sui nostri figli autistici. Una riflessione sui centri…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

La giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo di quest’anno non è...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione