Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Emergenza rifiuti a Scanzano, la Tradeco non ha carburante per svolgere il servizio

 

Da oltre due giorni in alcune strade del centro cittadino si sono notati cumuli di immondizia con odore nauseabondo tanto che molti cittadini hanno manifestato la loro disapprovazione nei confronti della civica amministrazione. Circostanza creatasi proprio nel bel mezzo del periodo estivo e turistico del luogo. “È una questione che probabilmente si risolverà – precisa subito il primo cittadino di Scanzano Jonico Ripoli – nella giornata di lunedì. Prima però, dovremo fare da spettatori in attesa di ricevere la relazione del medico dell’Azienda Sanitaria di Matera”. Un passo indietro. La gestione dei rifiuti a Scanzano è ancora in proroga alla Tradeco, la ditta dell’ex Presidente del Matera Columella, tanto per intenderci. Una gestione che dura da oltre venti anni. La ditta al momento non può effettuare il servizio in quanto, si dice, non abbia il carburante sufficiente per svolgere il servizio. “È cosi - precisa il primo cittadino di Scanzano, Raffaello Ripoli – sono accorti di carburante per svolgere in maniera normale il servizio”. Nelle more si deve annotare un bando di gara per la differenziata vinto a marzo dalla stessa Tradeco ma contestato dalla seconda arrivata, la Sogesa. Questi ultimi hanno chiamato in causa i giudici amministrativa del Tar rimettendoli in gara. Ora tutto è sospeso nell’attesa degli accertamenti e nel probabile ricorso al Consiglio di Stato. Nell’attesa la città soffre di questo pregiudizio alla propria salute. “Personalmente come primo cittadino- dice Ripoli- mi sono attivato da subito utilizzando tutte le norme presenti in materia. Come prima cosa abbiamo inviato una messa in mora alla Tradeco di attivarsi per ripulire rapidamente la città e di adempiere nell’immediato a tutti gli obblighi contrattuali. Contemporaneamente ho fatto le dovute comunicazioni agli uffici dell’ASM. Entro lunedì mi produrranno la relazione medica che mi permetterà di avviare la procedura di sostituzione della ditta. Prima di lunedì credo che nulla si potrà fare”. Questo se la Tradeco non risolve i suoi problemi prima e che comporterà il pagamento di qualche penale per i giorni non adempiuti.

Oreste Roberto Lanza

 

Banner Marf

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione