Le cisterne utilizzate per lo stoccaggio delle acque di vegetazione erano completamente colme con le tubature deteriorate

I Militari della Stazione Carabinieri Parco di Fardella unitamente ai colleghi di Francavilla Sul Sinni e Lauria hanno denunciato il proprietario di un frantoio per attività di gestione di rifiuti non autorizzata. Tale reato è stato constatato durante uno dei tanti controlli agroalimentari nel settore oleario e ambientali che si stanno effettuando ad impianti ora in produzione ubicati all’interno del Parco Nazionale del Pollino. In particolare i militari hanno effettuato un controllo in un frantoio in località “Giovannone” nel Comune di Fardella in provincia di Potenza, dove hanno riscontrato che le cisterne utilizzate per lo stoccaggio delle acque di vegetazione erano completamente colme e le tubature che collegavano queste all’impianto erano deteriorate.

Tale condizione ha provocato il ruscellamento delle acque sul suolo determinando così l’abbandono incontrollato dei rifiuti derivanti dal ciclo produttivo della lavorazione delle olive. Si è quindi denunciato il proprietario e sequestrato il frantoio e le cisterne. La campagna di controlli è mirata a salvaguardare l’interesse dei consumatori attraverso il rispetto delle norme ambientali e garantire quindi la genuinità del prodotto una volta immesso sul mercato.

ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor