anziano telefono truffa

 

L'uomo si fingeva parente delle vittime al telefono e si faceva consegnare somme fino a 8 mila euro

Si fingeva telefonicamente un parente delle ignare vittime riuscendo così a farsi consegnare somme di denaro pari a 400 e 8000 euro, a volte con l’inganno e quando questo non bastava, con la forza.
A seguito di attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza e svolta dalla Squadra Mobile e dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico di Potenza è stato Luca mauro 38enne di Napoli, è stato arrestato e poi trasferito nelle carceri di Napoli.
L’uomo si è reso responsabile di due episodi di truffe ed una estorsione agli anziani residenti a Potenza.

Fondamentale per le indagini degli inquirenti è stata la collaborazione proprio delle persone truffate e talora estorte, le quali hanno fornito agli investigatori una prima descrizione dell’autore. Di un reato particolarmente odioso in considerazione del fatto che Luca mauro ha approfittato delle fragilità legate all’età dei soggetti truffati vuoi per ingannarli vuoi, quando, come detto, ciò non bastasse, per esercitare violenza e sopraffazione ed impossessarsi dei loro beni.
A seguito di queste indicazioni, la Procura ha delegato alla Squadra Mobile a svolgere ulteriori e più complesse indagini che hanno consentito di individuare il responsabile delle truffe.
La circostanza dimostra come una leale e pronta collaborazione delle vittime dei reati con le Autorità inquirenti, è sempre produttiva di effetti positivi in termini di risposta giudiziaria.
Alla luce di ciò e della sussistenza di tutte le esigenze cautelari, la Procura della Repubblica di Potenza ha ritenuto di avanzare richiesta di misura di custodia in carcere. Tale richiesta è stata accolta dal G.i.p. del Tribunale di Potenza.