Proclamato il lutto cittadino. Il sindaco Morea: “Una tragedia immane che colpisce la nostra comunità”

Arrivati i risultati dell’analisi forense per Silvia Parato, la ragazza di Irsina morta cadendo da un muretto nella notte del 14 e 15 agosto scorso.I riscontri hanno confermato la morte sul colpo della minorenne sbattendo la testa su un piano di cemento dopo essere precipitata da circa 7 metri di altezza. Gli esami necroscopici, effettuati nella camera mortuaria del cimitero, attendono soltanto l’esito finale dell’esame tossicologico per capire se la ragazza irsinese aveva fatto uso di alcolici o altre sostanze similari.

Nel frattempo il sostituto procuratore della Repubblica di Matera, Christina De Tommasi, ha provveduto ad emanare lo specifico provvedimento di dissequestro della salma per permettere la celebrazione del rito funebre. Funerali che si terranno nella giornata di domani presso nella cattedrale del paese. Proclamato dall’amministrazione comunale il lutto cittadino. “Una tragedia immane – ha sottolineato Nicola Morea, Sindaco di Irsina– che colpisce la nostra comunità. Una vita giovane e bella viene ingiustamente spezzata”. Sul profilo Facebook si affollano i ricordi dei suoi tanti amici. In particolare quella di una sua amica che dice: “Una ragazza con il sorriso sempre stampato sul viso,con una voglia di divertirsi anche con poco”.

 

Oreste Roberto Lanza