Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

In alto i calici: inaugurazione in grande stile a Matera per la cantina Ai Palmenti

 

Etichette di alto livello, buon gusto ed iniziativa i protagonisti della serata inaugurativa di Sabato 30 giugno 2018 della cantina Ai Palmenti, esistente dal 1727 nel cuore della storica città di Matera. Rinnovata e rivitalizzata dal progetto di Diego Lacava e dei suoi soci Antonio Petraglia consulente legale e finanziario, Valentina Petraglia amministratrice di Matera Docet s.r.l., società proprietaria della cantina e Arjana Bechere filologa. Luogo dal valore strettamente connesso alla valorizzazione del territorio, di cui la città di Matera è simbolo, Ai Palmenti, alla presenza di moltissimi ospiti ed intenditori, 

ha affascinato tutti i presenti, grazie alla raffinata accoglienza e alla development architettonica e di stile eseguita dai suoi padroni di casa, arricchita da opere di alto pregio e quadri di rilievo. Per l’occasione nella cantina è stato allestito un punto centrale di degustazione dove l’intensità del vino intrecciata all’intensità dell’autentico tartufo lucano, ha inebriato e conquistato nel corso della serata anche i palati più esigenti. Durante l’inaugurazione tutti gli invitati, sono stati piacevolmente incuriositi ed attratti dagli assaggi proposti della gastronomia lucana, da uno scenario medievale riprodotto per l’occasione e sottolineato dai costumi di alcune comparse e da una cornice sonora in cui la musica dal vivo proposta da un duo del Conservatorio di Matera “E.Duni”, si è fusa perfettamente con il contesto. L’antica costruzione, edificata su un’antica chiesa rupestre, grazie al lavoro e alla dedizione dei suoi custodi, oggi mostra senza troppe riserve le sue potenzialità ed esalta il suo valore, tornando a brillare come farebbe qualsiasi diamante grezzo dopo la più accurata lavorazione.

Tempio del gusto, Ai Palmenti, sarà prossimamente location di eventi enogastronomici e culturali.

Un ricco programma è già stato organizzato, ma tante nuove idee sono già in cantiere. Entusiasta Diego Lacava ci ha concesso attraverso un’intervista di andare un po’ più a fondo l’interessantissima iniziativa.

Cosa rappresenta per Diego Lacava la cantina Ai Palmenti?

L’apertura della cantina per me rappresenta la somma delle esperienze accumulate questi ultimi anni. È prima di tutto orgoglio e responsabilità. Un contenitore culturale in cui ci è data la possibilità di sviluppare ed ampliare il senso di appartenenza che ci contraddistingue. Un contenitore culturale, in cui il vino,lucano ma non solo, diventa pilastro della Dieta Mediterranea, modello alimentare che partendo da Matera vogliamo promuovere ed internazionalizzare.

L’Italia è il terzo mercato al mondo per consumi di vino, e solo nel 2017 il consumo globale di vino è stata del 6.1%, la vostra determinazione prende spunto anche da questo dato? Sicuramente. Questo dato non mi sorprende ma mi compiace. Il vino di qualità, soprattutto se rosso, ha preziose caratteristiche organolettiche. Se abbinato ad una dieta adeguata, ancor più se una dieta mediterranea, è in grado di apportare all’organismo tantissime proprietà e benefici che rendono questo alimento assolutamente salutare.

E’ sicuramente importante puntare sul vino di qualità, quanto se al vino si abbina una proposta culinaria importante? La scienza ha certificato il valore nutraceutico del vino. I suoi effetti benefici, ateroprotettivi e cardioprotettivi sono però legati al un consumo moderato e controllato oltre che ad una dieta genuina ed equilibrata. Sicuramente, la qualità del vino diventa ancora più importante nel momento in cui lo si abbina ad una proposta gastronomica rilevante come quella che intendiamo promuovere qui.

Cosa intendi per proposta gastronomica rilevante?

La Dieta Mediterranea è stato il primo modello alimentare ad essere riconosciuto dall’Unesco quale Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, per il suo valore storico, culturale e benefico sulla salute dell’uomo. Questa per me è una proposta gastronomica assolutamente rilevante.

Le etichette pilastri della vostra offerta vinicola?

Le nostre etichette, quelle che sicuramente non mancheranno in questo progetto di co-business, sono pubbliche ed elencate sul nostro sito www.aipalmenti.it. Ciò che voglio sottolineare è che per una nostra scelta propositiva, nonostante abbiamo Patners di alto livello,i prezzi resteranno comunque sempre modici rispetto all’elevata offerta proposta.

Come nasce l’idea di accostare l’enogastronomia alla cultura?

Già al momento della costituzione della società Matera docet srl, insieme all’avvocato Antonio Petraglia, Valentina Petraglia e mia moglie Arjana Bechere,  abbiamo deciso di esaltare l’imprinting culturale della nostra società, considerandoci custodi degli immobili acquistati, piuttosto che proprietari. Nostra intenzione,la nostra motivazione è principalmente quella di diffondere le nostre tradizioni, inserendole in un contesto e in un mercato che vada ben oltre quello locale.

La vostra Mission?

La nostra Mission è l’internazionalizzazione dell’impresa. Nel contesto competitivo attuale per reggere la sfida del mercato globale non è più sufficiente produrre per esportare, ma è necessaria una internazionalizzazione commerciale e produttiva. L’apertura internazionale è il punto di svolta per una crescita reale, soprattutto se si ha un patrimonio prezioso  di piccole e medie imprese come la Basilicata. Siamo in grado di offrire sui mercati una vasta gamma di prodotti di eccellenza, definiti così non solo per la loro illustre qualità ed immagine ma anche per la loro provenienza e per l’affidabilità di chi li commercializza.

La vostra la definiresti un’impresa coraggiosa?

Il coraggio è indispensabile nella vita ma il nostro è un coraggio consapevole. Siamo consapevoli della qualità del prodotto offerto, per questo le nostre idee sono chiare e i nostri progetti di conseguenza concreti.

Parliamo di eventi. Quali sono già in agenda?

La nostra intenzione è quella di creare uno spazio in cui grazie agli interventi di esperti si possa parlare di turismo, di arte, di imprenditoria, di enogastronomia ma anche attraverso interventi di medici e nutrizionisti di alimentazione, di celiachia, di dieta vegetariana, vegana, ma tanto, tantissimo si parlerà di tradizioni e di cultura. Ogni primo sabato del mese a partire dal 4 agosto 2018, da questa straordinaria location verrà trasmesso in diretta streaming il Social Format "Together": un programma di Vincenzo Dell'Aere, il nostro responsabile della comunicazione e del marketing, in cui non mancheranno ospiti e tecnici di rilievo. Ai Palmenti è e sarà uno “Show Room” di rappresentanza del settore agroalimentare, in cui gusto e arte realizzeranno un connubio senza precedenti. Il calendario degli eventi è oramai pronto, pochissimi i dettagli ancora da definire. Prestissimo sarà un vero piacere sponsorizzarlo.

Silvia Silvestri

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione