Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Latronico. A un anno dall’apertura de ‘La casa delle stelle’, struttura per le donne vittime di violenza

Venerdì 22 giugno, alle ore 18.00, presso le Terme di Latronico appuntamento culturale e sociale organizzato dal Comune, “Abbi cura di splendere!”. Una iniziativa che ha un duplice  obiettivo: tracciare un resoconto di un anno di attività della struttura e sottoscrivere un protocollo d’intesa per rafforzare e allargare la rete dei soggetti del territorio regionale impegnati nel contrasto della violenza sulle donne. Sottoscrittori del protocollo saranno il comune di Latronico, la Prefettura di Potenza, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro, la Questura, l’Azienda Sanitaria e l’associazione che gestisce la struttura. 

“Il protocollo – sottolinea il Sindaco di Latronico, Fausto De Maria- punta, a contrastare e prevenire  il fenomeno della violenza contro le donne mediante lo sviluppo e il consolidamento di una rete integrata e formalizzata di servizi offerti dalle diverse istituzioni soggetti firmatari, anche attraverso la condivisione di procedure operative in grado di rendere più efficaci le misure di contrasto alla violenza e la realizzazione di percorsi di uscita dalla violenza”. Un documento che nasce ad un anno dalla inaugurazione della “ Casa delle Stelle” gestita dall’associazione ‘Obiettivo Il Sorriso’. Una struttura protetta nata per ospitare donne vittime di violenza, realizzata nell’ambito del piano regionale di prevenzione e contrasto alla violenza di genere. “Un lavoro lungo tre anni- precisa subito il sindaco di Latronico, Fausto De Maria- che vide la prima presentazione ufficiale nella giornata dedicata alle donne nel marzo del 2014” Parola chiave di questo progetto è stata : fare rete, coinvolgendo, delle realtà locali ognuno per le proprie competenze, l’organizzazione di tavoli tecnici e il lavoro, condiviso, sui dati. “L'obiettivo – continua il primo cittadino De Maria-  è quello di prendersi cura delle donne vittime di violenza e dei loro figli, aiutarle, stando loro vicini da un punto di vista psicologico e psicoterapeutico e dando loro, alla fine di un percorso, una indipendenza economica in grado di fare loro riacquistare la propria autonomia”.

Ospite d’onore all’appuntamento l’avvocato Lucia Annibali donna simbolo delle violenze contro le donne. Il 16 aprile del 2013 avvocatessa di 35 anni, single e senza figli, fu sfigurata da due uomini da un getto di acido solforico mentre rientrava nel suo appartamento a Pesaro. Mandante, l’ex fidanzato Luca Varani, avvocato anche lui. Il 29 marzo 2014 Luca Varani viene condannato in primo grado a 20 anni di carcere per stalking. Pena confermata in appello nel gennaio 2015. 10 maggio 2016 la prima sezione penale della Cassazione omologa e conferma la sentenza di appello. L’8 marzo 2014, festa della donna, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano conferisce alla Annibali la nomina di Cavaliere al merito della Repubblica.


Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione