Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Sarà Matera la protagonista de “L’anno che verrà”: la Rai ha prescelto la città dei Sassi per lo Show di fine anno

Tra il dire e il fare c’è di mezzo Matera capitale europea 2019. Rompendo gli indugi relativi alla "contesa" sulla diretta di Capodanno, la Rai ha scelto Matera: decisione dettata da oggettive ed accurate valutazioni opportunistiche e non da mero spirito di campanile. Le dovute considerazioni che hanno anticipato questa decisione sono state fatte da un apposito comitato Rai, il quale andando oltre le aspettative del Consiglio Regionale della Basilicata, ha più sensatamente scelto di puntare per la diretta del prossimo Capodanno su Matera, al fine di avere uno spettacolo fatto non soltanto di intrattenimento ma anche di spunti informativi e culturali. In questo momento ed ancor più a partire dal 2019, questa scelta si fonde perfettamente con tutto quello che la città dei Sassi rappresenterà, considerato che Matera oggi non rappresenta solo la città patrimonio mondiale dell’Unesco, centro di un incredibile paesaggio rupestre, sede di eventi espositivi di grande prestigio nazionale ed internazionale, città tra le più antiche al mondo, ma è simbolo di un intero territorio. La Basilicata è ricca di paesaggi mozzafiato, laghi, boschi e spiagge che rendono le nostre zone uniche;così come è ricca di borghi meravigliosi in cui l’aria pura, i sapori genuini e le bellezze della natura si uniscono alle più svariate testimonianze storiche, in grado di soddisfare ogni desiderio di conoscenza. L’anno che verrà, Matera rappresenterà tutto questo, non solo il suo paradiso culturale in cui le energie concentrandosi in quel folklore linguistico, culinario, musicale e storico immenso, sono in grado di sfiorare tutti i campi della cultura e che da sempre fanno parte dell’anima di chi vive questa terra. Il Servizio Pubblico, ha spiegato chiaramente una nota dell’azienda di Viale Mazzini, «non può non tenere conto che la città dal 1° gennaio 2019 sarà la Capitale Europea della Cultura e diventerà la protagonista assolutadel panorama culturale italiano e europeo. Sarebbe difficilmente giustificabile a livello istituzionale l’indicazione di una sede diversa nella stessa regione».

È così che la Rai nei fatti ha gentilmente glissato la proposta regionale, che indicava per l’evento la città di Venosa, seppur, ha voluto consolare l’aspettativa della valle del Vulture, indicando la possibilità di valutare quest’ultima sede per una futura edizione, probabilmente quella del 2019/2020, sempre previe verifiche tecniche ed organizzative specifiche che al momento ovviamente ora il comitato organizzativo ha ritenuto inutile prevedere o specificare. L’amministrazione regionale non ha potuto che prendere atto della motivata e giustificata decisione della televisione di Stato, legittimata ancor più dall’inaugurazione che si avrà a Matera, proprio a capodanno, delle numerose manifestazioni previste per tutto il 2019 legate ovviamente alla proclamazione della città quale Capitale della Cultura Europea,a cui parteciperà anche il nostro Capo di Stato Sergio Mattarella. Prendersela non serve, dopotutto l’esito di questa vicenda era prevedibile, ciò nonostante tanta è stata la delusione espressa dalla provincia di Potenza, dal Comune di Venosa e sui social anche dall’ex Presidente del Consiglio Regionale Francesco Mollica, originario proprio di Venosa, il quale non riesce proprio a rassegnarsi alle ragioni, per quanto palesi e sensate, che hanno portato la Rai a scegliere Matera per lo show “L’anno che verrà” dichiarando con fermezza di voler ugualmente contrastare, seppur non è ancora chiaro come, dette motivazioni. Intanto Flavia Franconi, vice presidente regionale della Basilicata in una lettera inviata ai vertici Rai, pur ribadendo il suo convincimento «circa l’idoneità della Città di Venosa, patria di Orazio, terra ricca di tradizioni e cultura a ospitare l’evento in questione il prossimo anno», non ha potuto che accogliere la scelta di svolgere per la seconda volta l’evento di Capodanno a Matera, così da festeggiare nel migliore dei modi per l’intera Regione l’ingresso nel 2019, anno in cui la città rappresenterà la Basilicata e l’Italia nel mondo. 

Silvia Silvestri

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione