SENISE - È venuto in Basilicata per presiedere la seduta della giunta di Federparchi svoltasi a Rotonda per portare la solidarietà dei Parchi italiani alle popolazione del Pollino colpite dal sisma dello scorso ottobre. Giampiero Sammuri, presidente nazionale di Federparchi-Eurparc, ha accolto volentieri l’invito rivoltogli dal presidente del Parco dell’Appennino Lucano, e coordinatore di Federparchi Basilicata Domenico Totaro,  a fare una piccola tappa a Senise, presso la Bottega Lucana Sud-Occidentale dei prodotti tipici inaugurata pochi giorni prima. Una sorpresa molto gradita dai titolari del punto di esposizione, nel quale sono presenti i prodotti tipici che compongono il paniere del parco del Pollino, direttamente forniti dalle aziende produttrici che ricadono nella parte lucana dell’area protetta. Un progetto voluto e sostenuto dal Gal “La cittadella del Sapere” che sta ponendo in essere una serie di azioni di promozione del territorio destinate a portare le peculiarità gastronomiche lucane nei punti più strategici del turismo nazionale, come Piazza Navona a Roma, e Matera. Nel visitare il punto espositivo di Senise, Sammuri ha avuto modo di apprezzare il grande lavoro che i Parchi di Basilicata stanno portando avanti per promuovere l’apprezzato patrimonio enogastronomico regionale, e in particolare quello che viene prodotto nei territori delle aree protette dove, accanto alla salvaguardia della biodiversità e del patrimonio ambientale, si pongono in essere specifiche azioni volte all’individuazione di prodotti di nicchia sottoposti a tutela. Riferendosi all’esposizione della “Bottega Lucana S.O.”, poi Sammuri ha sottolineato “lo sforzo di concentrare in un unico punto tutti i prodotti che costituiscono l’identità enogastronomica del Parco, identificando così il territorio con le proprie produzioni”. Commenti positivi anche da Totaro che ha presentato al presidente nazionale delle aree protette lo sforzo che sta ponendo in essere Federparchi Basilicata per mettere a sistema non solo la rete della salvaguardia del patrimonio ambientale ma anche la promozione comune dei prodotti tipici, per presentare in modo organico i prodotti agricoli della Basilicata protetta.

Francesco Addolorato


0
0
0
s2sdefault