Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

'Gli stregoni della verità' di Marcello Foa. La notizia deve essere a sevizio della democrazia non dei governi



“Per conoscere le correnti del fiume, chi vuole la verità deve entrare nell’acqua”. Per conoscere le correnti del fiume in un mondo sempre più complesso come il nostro, devi scendere nell’acqua, devi immergerti, anziché limitarti a cavalcarne i flutti e a intuire i venti. È la sintesi precisa del libro del giornalista Marcello Foa, prossimo Presidente Rai, “Gli Stregoni della notizia. Come si fabbrica l’informazione al servizio dei governi”, edizioni Angelo Guerini e Associati S.r.l., seconda edizione luglio 2018. È un libro per tutti, soprattutto per coloro che avvertono da subito che la notizia appare manipolata e fatta in modo tale che il semplice cittadino faccia quello richiesto senza alzare il muro minimo di senso critico. Senza chiedersi se la notizia sia vera o falsa oppure quale vero obiettivo vuole raggiungere. Il vero e principale problema di tutti i tempi è proprio l’informazione. La notizia maneggiata, quella sbiadita, con diverse tonalità di colore con l’intento unico di condizionare i cittadini costringendoli a fare quello che potentati finanziari vogliono. Per questo ci sono i cosiddetti Spin doctor, la persona che si occupa di organizzare la campagna elettorale di un uomo politico e non solo. Ne cura l’immagine anche durante il suo periodo di governo. Ma queste persone sono presenti anche all’interno di grandi multinazionali per incentivare la vendita di prodotti, costringendo il cittadino a comprarli anche se non è pienamente manifesta l’esigenza. Lanciano grandi titoli su stragi che a distanza di mesi non risultano tali. Esaltano gesta eroiche che poi si scopre essere state elaborate a tavolino. Danno per certe le accuse formulate dai governi e ignorano quelle dei semplici cittadini, anche se con il tempo le seconde si rivelano più affidabili delle prime. Nove i capitoli in 286 pagine dove il giornalista Foa, spiega le tecniche per orientare l’informazione, dedicando molto spazio a concetti importanti come quello mentale del Frame. Ognuno di noi ragiona con delle “cornici” mentali di riferimento costituite da una serie di immagini o di giudizi o di conoscenze di altro tipo, culturali o identitarie. I capitoli conclusivi sono gli effetti reali di come soprattutto nel passato le guerre sono state ben costruite manipolandone la giusta verità. Ci sono le spiegazioni del ruolo avuto dagli spin doctor e delle società di pubbliche relazioni, ma anche delle organizzazioni non governative. “Se capisci i meccanismi e le logiche che regolano il comportamento di un gruppo, puoi controllare e irreggimentare le masse a tuo piacimento e a loro insaputa”, scriveva, nel 1928 Edward Berrnays nel suo libro “L’ingegneria del consenso”. Ecco allora i casi specifici delle vendite di automobili, dove si comunica, attraverso uno studio ben congeniato, al venditore che lo scarico dei gas non è nocivo ai polmoni. Oppure che la cioccolata fa bene al cuore, fa dimagrire, riduce l’ipertensione, migliora la memoria. Tutto vero? Tutto necessario per aumentare il consumo della cioccolata dal semplice quadratino. Ma questo è poca cosa. Nelle pagine ci sono casi ancora più rilevanti legati alla storia dei Presidente americani Repubblicani o Democratici che esso siano. C’è la descrizione della guerra creata ad hoc in Iraq con la caduta di Saddam, dove la dinamica della sua cattura indicata al lettore, non è quella vera. E dove le armi di distruzione di massa non erano presenti. Cosa sappiamo veramente della crisi in Grecia scoppiata nel 2010. Cosa veramente ricordiamo della guerra del Vietnam. Della storia attuale dell’immigrazione. Bisognerebbe chiedersi se hanno avuto molto impatto i tanti articoli su giornali e social o la foto del corpicino dei piccoli Aylan in maglietta rossa, su una spiaggia turca dopo il naufragio del gommone su cu era salito con la famiglia? La verità, probabilmente, è che la maggior parte dei fatti avviene fuori dal campo visuale dell’individuo e per di più difficili da comprendere. La gente giudica per quello che conosce attraverso le informazioni diffuse da i mezzi di comunicazione di massa. Mezzi che posso ignorare fatti ritenuti da “loro” irrilevanti drammatizzandone quelli ritenuti più “commercialmente” importanti. Ecco allora divulgare la verità è un impegno del giornalista professionista serio. I giornalisti dice Foa “sono rispettati, temuti e riveriti perché sanno sempre qualcosa che il pubblico non conosce”. Ed è per questo che il giornalista deve imparare a scrivere articoli per strada in mezzo al popolo e con il popolo per aiutare questi a crescere il proprio senso critico. Un libro di una eccezionalità incredibile. Lindo e pinto nella sua esposizione, facile nella comprensione. Un manuale di Libertà per tutti coloro che si sentono imprigionati dal tempo delle menzogne e falsità che nella nostra attualità non hanno più colore, cosi trasparenti da non sentirne neanche l’odore.  
Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione