Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Le Zes cosa sono. Aldo Berlinguer lo spiega nel suo libro: Porti, Retroporti e Zone economiche Speciali


Il Titolo del volume è “Porti, Retroporti e Zone Economiche Speciali” Giappichelli editore, maggio 2018.  Il libro curato dal professore Aldo Berlinguer, in ben diciannove capitoli è riuscito a spiegare, dettagliatamente il fenomeno ZES, le cosiddette Zone ad Economia Speciale. Il tema non è di quelli da saggi o narrazione ma è un futuro prossimo se ben calibrato, programmato e attuato. Un argomento che può, probabilmente, dare una svolta al Sud Italia, in particolare anche alla Lucania. Sono pagine in cui si apprende con facilità della nuova opportunità, dei vantaggi derivanti dalla loro costituzione e, soprattutto, permanenza conosciuta la conformazione geografica del territorio, nonché degli interessi economici pregressi e interessanti la zona di applicazione. Va conosciuto il territorio per prevederne la potenzialità e la propensione del territorio a ricevere ogni elemento di sviluppo derivante da questo tipo innovativo di progetto.

All’interno ci sono vari angoli di visuale, il ruolo che la portualità e le Zone economiche speciali svolgono nel mercato globale. Queste Zone, come dice il professore Berlinguer non è una novità del momento ma, un fenomeno storico, presenti in tutte le parti del mondo. La Zes per capirci bene è un luogo privilegiato. Un luogo nel quale determinate regole non si applicano. Tra queste non si applicano quelle di carattere fiscale. Di questo dovremmo leggere qualche passo di storia ai tempi dell’Impero Romano. Ma c’è di più. L’Italia sottolinea Berlinguer arriva con i soliti tempi accademici ma con la possibilità che nulla è perduto. Per spiegare al meglio questa innovativa realtà c’è il contributo di vari autori italiani e stranieri: professori universitari, Presidenti di Autorità di sistema portuali, esponenti delle Istituzioni chiave, operatori del settore.

Un libro da leggere scritto nella maniera che il lettore possa acquisire una visione complessiva dei temi descritti con informazioni in ambito giuridico, economico, marittimo, amministrativo, fiscale, infrastrutturale e con una visione europea e internazionale.

All’interno del volume c’è l’impegno costante e decisivo, oltre del professore Aldo Berlinguer anche di Domenico Bagalà, laureato in Ingegneria civile presso la Sapienza di Roma. Giulia Chironi di Taranto, avvocato , dottore di ricerca in “PA dell’economia e delle finanze” presso l’Università degli studi di Bari ; Zeno Agostino, laureato in Scienze Politiche  indirizzo economico presso l’Università di Padova, Manager, consulente , ricercatore, docente di economia del territorio, logistica e trasporto merci; May ElGendy, funzionario del Dipartimento per le Relazioni ed Investimenti presso il GAFI (General Authority For Investiment ), agenzia per la promozione degli investimenti in Egitto; Umberto Masucci, laureato in Giurisprudenza, attualmente consigliere nazionale di Confcommercio, membro Comitato Esecutivo Registro Italiano Navale; Alessandro Panaro, economista dei trasporti con riferimento alle infrastrutture portuali e logistiche; Daniela Pappadà, laureata in Giurisprudenza , dottore di ricerca in Diritto Privato Comparato e Diritto Privato Dell’Unione Europea; Ugo Patroni Griffi, laureato in giurisprudenza, avvocato , Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale; Sergio Prete, Professore di Diritto della Navigazione presso la prima e seconda Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”; Enrico Maria Pujia, Direttore Generale della Direzione generale per il trasporto e le infrastrutture Ferroviarie presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Victor Manuel Sanchez Blazquez, Professore di Diritto Finanziario e Tributario presso l’Università di Las Palmas de Gran Canaria ; Francesco Scialpi, collaboratore dell’Università degli Studi di Bari, assistente alla cattedra di Diritto Tributario presso il dipartimento jonico di Taranto; Mounir Snoussi, professore presso la Facoltà di Scienze Giuridiche , Politiche  e sociali di Tunisi, Pietro Spirito, laureato in Scienze Politiche , dal 2016 è Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale; Antonio Felice Uricchio, Professore ordinario di Diritto Tributario nell’Università degli Studi di Bari, infine; Mohamed AzerZouari, ricercatore presso la Facoltà di s Scienze Giuridiche politiche e sociali di Tunisi. Un libro, per dirla con il pensiero stesso curatore del libro, il professore Aldo Berlinguer, che solca un terreno vergine, colmando una lacuna presente oggi, in Italia.  

Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione