Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Argenteria in Basilicata. A Lagonegro fra arte e mistero con il libro dello storico Boraccesi

“Argenteria in Basilicata- Il Tardogotico e il Rinascimento nella Diocesi di Lagonegro-Tursi”. È il titolo di un interessante libro di Giovanni Boraccesi, membro della Società di Storia Patria per la Puglia con numerose pubblicazioni scientifiche e in particolare sull’argenteria sacra, che sarà presentato a Lagonegro sabato 14 ottobre alle ore 17.30 presso la chiesa Madonna delle Grazie. Da tempo l’autore conduce studi sull’oreficeria in Puglia e in Basilicata. Le tante e numerose pubblicazioni di Boraccesi sembrano aver dato un apporto irrinunciabile per la comprensione, per la tutela e per la messa in valore di un patrimonio, vasto e pure di grande pregio, che sarebbe altrimenti sommerso e che appare purtroppo già depauperato da furti sin troppo mirati. La comunità lucana è da molto tempo alle attenzioni di Boraccesi con continue ricerche sugli argenti di Basilicata con l’intento preciso di preservarne la memoria sollecitando una corretta conservazione e valorizzazione. Un intento in piena sintonia con quello che è lo scopo dell’Associazione lagonegrese “A Castagna Ra Critica” che fin dalla sua costituzione lavora con il fine di riscoprire e valorizzare il patrimonio artistico culturale lucano, in particolare del lagonegrese. L’associazione organizza eventi atti a raccogliere fondi per i restauri delle opere via via recuperate, in accordo con enti locali e regionali, per la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali. La presentazione del libro di Boraccesi è l’occasione anche per parlare di un argento importante presente nella città di Lagonegro e di cui Boraccesi ne fa menzione nel suo libro. Il calice della chiesa di San Nicola di Bari è il pezzo più antico tra quelli finora rinvenuti nella diocesi di Lagonegro-Tursi. Il manufatto, in argento dorato è arricchito dall’inserimento di figure smaltate che impreziosiscono sia il piede esalobato a ringhiera traforata, sia il nodo schiacciato contenuto entro una doppia fila di archetti traforati. Il sottocoppa è composto di una corolla di piccole foglie d’acanto sagomate che sostengono la coppa svasata (originale?), già oggetto di un precedente intervento di riparazione. Sebbene la conservazione non sia ottimale e nonostante il recente e abile restauro curato nel 2013 da Francesca Leolini, socia dell'associazione "A Castagna Ra Critica, delle otto figure smaltate, precisamente tre nei clipei del piede e cinque nei chiodi romboidali del nodo, il sesto chiodo accoglie un trigramma, non tutte sono state individuate. “L’identità delle otto figure incise e smaltate- sottolinea Boraccesi nel suo volume- di qualità non eccellente, è la seguente: sul piede, l’Imago pietatis; San Pietro, riconoscibile dalla grossa chiave stretta nella mano destra); un Santo vescovo benedicente. Sul nodo, cinque santi aureolati che andrebbero così identificati: un Santo frate (Francesco d’Assisi?, in primo piano il profilo di un uccello?), una Santa monaca, riconoscibile dal soggolo, che sorregge un oggetto approssimativamente rotondeggiante (Santa Chiara con l’ostensorio?); un Santo stempiato che stringe nella mano destra forse una spada (San Paolo?); un Santo frate stringente un probabile Vangelo; un altro Santo non meglio definito, ma che parrebbe stringere un bastone (San Giacomo Maggiore?). Rimane, al momento, un enigma il trigramma in rame – certo in sostituzione dell’originale piastrina smaltata – di cui si accennava, ovvero le lettere S•M/T sormontate da una stella a otto punte: il titolo di una chiesa mariana?”. Dunque, il riconoscimento delle figure smaltate presenti sul manufatto di cui stiamo trattando appare ancora non sufficientemente chiaro, più ardua è l’individuazione del luogo di produzione, men che mai dell’autore.
Ma un maggiore approfondimento della particolare questione sarà oggetto degli interventi dell’Architetto Francesco Canestrini della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata e della dottoressa Filomena Papaleo Archeologa Medievista. I saluti istituzionali del Sindaco di Lagonegro, Pasquale Mitidieri, dell’avvocato Maddalena Falabella, Presidente dell’Associazione culturale “A Castagna Ra Critica” e del Vescovo della Diocesi Tursi- Lagonegro. Mons Vincenzo Orofino.


Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

Il presepe è una rappresentazione sacra non un simbolo della tradizione

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

In questa nostra Italia litigiosa anche i segni della fede...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione