Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

A Montemurro, la «Perfidia eleatica» sinisgalliana nel libro di Giulia dell’Aquila

Presentato in anteprima a Montemurro, presso l’ex convento di San Domenico il volume “La perfidia eleatica”. Studi su Leonardo Sinisgalli, di Giulia Dell’Aquila,docente presso l’Università degli Studi Bari e membro del Comitato Tecnico Scientifico della Fondazione.La perfidia eleatica: perfidia è adoperata da Leonardo Sinisgalli nell’accezione più antica di ostinazione, pervicacia, fermezza nel sostenere le proprie idee e ragioni; eleatica fa riferimento alla scuola filosofica di Elea nella Magna Grecia. “La «perfidia eleatica» invocata da Sinisgalli – spiega la professoressa Dell’Aquila - è da intendersi come “la caparbietà nel perseguire e mettere in pratica le proprie idee di arte e letteratura, pur in contrasto con i tanti che non le condividono”, in particolare i “compagni ermetici”.  L’autrice del volume, professoressa associata di Letteratura italiana nell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e ricercatrice presso il Dipartimento di “Lettere, lingue arti. Italianistica e culture comparate, ha realizzato tre studi che, attraverso un’analisi della vicenda biografica di Sinisgalli, mira ad ampliare la conoscenza della sua produzione poetica.  “Nel primo studio – sottolinea la professoressa Giulia Dell’Aquila- ho approfondito il rapporto con Giuseppe Ungaretti, cui Sinisgalli fu profondamente devoto per averlo “accreditato” come poeta fra la critica più autorevole. Nel secondo ho esplorato il legame con il medico calabrese Lorenzo Calogero, originale poeta attraversato dal dramma umano dell’isolamento che lo fa assurgere, agli occhi di Sinisgalli, a emblema della crisi della poesia nella società moderna. Il terzo studio, infine, ho analizzato la produzione poetica di Sinisgalli a partire proprio dai “Nuovi Campi Elisi”, come momento di trapasso dalla «superba» età giovanile alla «decrepita» vecchiaia del poeta, che dà voce alle inquietudini e incertezze novecentesche”. Alla presentazione del volume, coordinata dal direttore della Fondazione Sinisgalli,Biagio Russo, interverranno, insieme all’autrice, Franco Vitelli dell’Università di Bari, Sebastiano Martelli dell’Università di Salerno e lo storico e critico d’arte Giuseppe Appella.  Durante l’incontro è stato presentato ufficialmente il bando del “Premio Leonardo Sinisgalli” con periodicità annuale di assegnazione, per la migliore tesi triennale o magistrale, nazionale, e di dottorato di ricerca nazionale e internazionale specifica su Leonardo Sinisgalli e su tematiche direttamente connesse alla sua multiforme attività.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

Il presepe è una rappresentazione sacra non un simbolo della tradizione

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

In questa nostra Italia litigiosa anche i segni della fede...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione