Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

“Ritorno in Lucania”, il viaggio di Raffaele Nigro tra cose, uomini e cultura

Le meravigliose fotografie sono del barese Piero Lovero, le tavole a colori di Michele Damiani, pittore di temi, memorie ed evocazioni orientali e mediterranee. L'autore è il melfitano Raffaele Nigro. Il libro edito da Progedit ha un titolo semplice, “Ritorno in Lucania”. Raffaele Nigro, lucano, giornalista, caporedattore per la sede pugliese RAI, scrittore dagli anni settanta, studioso della storia della Basilicata e dell’Italia Meridionale, con numerosi e prestigiosi  premi ricevuti, in particolare il Super Campiello, nel 1987, con il romanzo “I fuochi del Basento“, ritorna nella sua terra con un passo convinto percorrendo strade, fiumi e centri arroccati sulle colline.

Lo fa non più con le sue sporadiche visite ma con una convinta frequentazione, rivisitando quei luoghi dove tutt’ora si respira ancora aria di intensa cultura. Luoghi di memoria di storia, dove poeti, storici, letterati hanno impresso alla Lucania il sigillo autentico di terra che non fa rumore all'esterno ma suona all'interno, toccando le corde dell'anima. In otto ben definiti capitoli, Nigro racconta l’essenzialità di questo valore aggiunto che è la Lucania per il Sud Italia che vuole ritornare ad essere quello che fin da prima dell’Unità d’Italia rappresentava. Luogo incantevole di passione, bellezze ed emozioni. Un viaggio lento, attento a volte con un po’ di nostalgia comincia “per le antiche case dei poeti” ricordando il grande poeta Giovanni Pascoli che insegnò nella città di Matera al liceo classico.

Un salto a casa Sinisgalli a Montemurro nell’occasione dell’inaugurazione di una mostra di documenti per rivedere e riascoltare quelle “ voci di dentro” dell’insigne poeta, saggista e critico d'arte lucano. Da qui verso Tricarico per fotografare e riascoltare i versi del poeta –Sindaco Rocco Scotellaro sepolto in questo piccolo e silenzioso luogo sotto una lastra di marmo guardando la valle. A Tursi per non dimenticare Albino Pierro, famoso soprattutto per la sua svolta dialettale e per essere stato più volte candidato al Premio Nobel per la Letteratura. Nigro rilegge quei versi scritti sulla lapide messa sul muro di casa sua, che appaiono la sintesi del suo infinito impegno per la sua terra di Lucania. “Uera turnè cchi ssèmpe addù ci scurrete come nd’ì ddrùpe ll’acque,’a vita mèje”. Vorrei tornare per sempre dove ci scorre come fra i dirupi l’acqua, la vita mia.

Un salto a Moliterno, nell’alta Val d’Agri, per raccontare di Giacomo Raccioppi storico e patriota. Vale la pena leggere le due parti del volume “Storia dei popoli lucani e della Basilicata”. A Brienza per non dimenticare Mario Pagano un giurista, filosofo, politico e drammaturgo italiano. Fu uno dei maggiori esponenti dell'Illuminismo italiano ed un precursore del positivismo, oltre ad essere considerato l'iniziatore della scuola storica napoletana del diritto. A Venosa città cara a Quinto Orazio Flacco, poeta lucano noto più semplicemente come Orazio. Considerato uno dei maggiori poeti dell'età antica, nonché maestro di eleganza stilistica e dotato di inusuale ironia. Per non dimenticare il grande musicista Carlo Gesualdo. A Sasso di Castalda dove si ricorda Don Giuseppe De Luca.

Una figura intellettuale prestigiosa  che oltre alla sua missione pastorale di  prete, fu anche  un editore e raffinato scrittore. Ma in questo luogo, Nigro, non può non ricordare Maria Rachele Ventre, detta Mariele, fondatrice del Piccolo Coro dell'Antoniano di Bologna. I suoi genitori lucani Doc. Padre Livio originario di Marsico Nuovo, madre Maria di Sasso di Castalda. Poi con “un paese a colori” l’autore ricorda i pittori lucani dell’800 e quelli più recenti. Vincenzo Marinelli, del potentino Antonio e Vincenzo Busciolano, di Giuseppe Maria Mona di Pietrapertosa, Vincenzo la Creta di Marsiconuovo, Andrea Petroni e Giacomo Di Chirico di Venosa, Angelo Brando di Maratea, Pietro Tozzi di Ruvo del Monte, Pasquale Virgilio di Melfi e di Cesare Colasuonno di Irsina. I contemporanei hanno il nome di Ginetto Guerricchio, Maria Padula, Mauro Masi, Ninì Ranaldi, Remigio.

Da leggere il capitolo “Gli anni dell’inquietudine”. Interessante quello dei “lucani nella storia”. Pagine dove Nigro racconta di Orazio a Venosa, ma anche di un benedettino, un certo Ugone, autore di ben quattro biografie di santi. Venosa fu luogo di nascita di un certo Luigi Tansillo, poeta italiano, di ispirazione petrarchesca. Matera dei Persio, di Ascanio, Domizio con Aurelio e Antonio. Pochi chilometri da Matera e siamo a Valsinni per raccontare dei versi della grande poetessa Isabella Morra non tanto più giovane quando viene uccisa. Poi Montescaglioso con Giovanni Antonio Antodari. Miglionico luogo di nascita del musicista Marcantonio Mazzone. Un salto ad Aliano per raccontare del torinese Carlo Levi il medico, poeta e pittore che trascorse ben nove mesi con il suo Cristo si fermò a Eboli e dove attualmente è sepolto. Poi il capitolo “narratori del nuovo millennio” dove l’autore riporta in superficie i racconti di narratori come Giuseppe Lupo scrittore e saggista italiano di Atella, di Mimmo Sammartino giornalista e scrittore di Castelmezzano, del potentino Tommaso Pedio, storico, saggista e avvocato italiano, noto particolarmente per i suoi studi sul brigantaggio. Sul finale del libro un’attenzione al capitolo “viaggio nella natura lucana” un camminare dolce tra la fauna e la flora di questa terra a cui sono cantate le lodi da uccelli come il cavaliere d’Italia, la garza ciuffetta, la cutrettola, o il falco.

Una vegetazione composta da cerri, lecci, aceri, frassini o come a Trecchina di castagni. Un luogo, quello descritto da Nigro, composto da un labirinto di castelli, cattedrali, con modi di concepire la vita finora ignorati da tutti. Un cenno alla gastronomia lucana nel capitolo “fagioli in versi e in prosa”. Una cucina tradizionale che è riuscita a preservare e conservare nel tempo gusti e sapori deliziosi, basandosi sui poveri ingredienti del mondo contadino. È un libro diverso dal solito. L’autore con grandi capacità comunicative e con la giusta analisi e sintesi riesce a ben raccogliere un angolo di mondo racchiuso fra tre terre: Calabria, Campania e Puglia. Una Lucania che per Nigro appare da sempre come la terra della luce nascente tanto da chiedersi se è necessario spendere tanto danaro pubblico per ricorrere agli attrattori  quando dice: tra Melfi, Venosa, Palazzo e Acerenza c’è il 70% dei monumenti storici regionali mai valorizzati? Quanto è casuale il disinteresse dell’ente Regione?


Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

2 aprile: accendiamo di blu il cielo sui nostri figli autistici. Una riflessione sui centri…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

La giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo di quest’anno non è...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione