Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Il Presidente della Pro Loco di Lagopesole: il Castello è la nostra grande risorsa di storia e cultura

Castel Lagopesole in “movimento” potremmo definirla cosi l’estate 2017 del "Lu quastìdde" in aviglianese, una delle frazioni di Avigliano, in provincia di Potenza. Con i suoi 652 abitanti, nota per il suo passato svevo, legata alle figure di Federico II e di suo figlio Manfredi, luogo storico per essere stato rifugio dei briganti guidati da Carmine Crocco, ogni anno presenta un cartellone estivo di ampio respiro. Frutto anche della dinamicità della locale Pro Loco che con il proprio Presidente, Marcello Romano, ecclettico ed effervescente riesce a ben coniugare momenti di cultura con aspetti storici. “È dal 2009 – precisa il Presidente della Pro Loco Romano – che abbiamo sposato questo tipo di programmazione. L’idea è quella di rendere Lagopesole un luogo turistico dove la cultura abbia un valore alto e preminente”. Aiuta molto la premessa del Castello federiciano e il suo contorno storico. “Certo- Continua Marcello Romano- la presenza del Castello aiuta molto in quanto molte delle nostre iniziative ruotano intorno alla storia di questo personaggio illustre, appunto Federico II. Non dimentichiamoci che in epoca sveva proprio questo sovrano fece ampliare il castello dal 1242 al 1250. Anche il figlio Manfredi e la moglie soggiornarono spesso privilegiando il castello come sua dimora principale”. Poi, raccontano le pagine di storia, decaduta la dinastia sveva, ci fu l’insediamento da parte degli angioini, rendendo Lagopesole la loro residenza estiva. Dopo l’undicesima edizione del Palio dei 3 feudi, la Multivisione de “Il Mondo di Federico II”, spettacolo che attraverso le moderne tecnologie modifica le mura della corte maggiore del Castello di Lagopesole per trasformale al tempo stesso in sfondo per i personaggi e schermi magici mescolando miniature medioevali ad architetture, proiezioni grafiche a recitazione, storia a sorprendenti effetti speciali, arriva il teatro in piazza. Domenica 13 agosto 2017 il teatro in piazza presenta lo spettacolo “1 imbroglio x 2 matrimoni”, riscrittura ad opera di Aroscenico Teatro della commedia di Eduardo Scarpetta “Mettiteve a fa l’ammore cu mme”. Un intreccio classico dove due coppie di innamorati sono costrette ad una serie di sotterfugi per rimettere a posto le cose, in quanto una vecchia zia, in memoria di un’antica promessa, mescola le carte e le coppie, a dispetto dei loro innamoramenti, si trovano invertite e solo la scaltrezza di una donna riuscirà a rimettere tutto a posto. Il 15 agosto esplodono i colori in Babylonica, l'Incontro Internazionale tra Culture che dipinge il borgo di Lagopesole. Da 23 anni commistioni di lingue, incroci di danze e fusioni di suoni si realizzano alla maniera delle antiche corti imperiali diventando unificanti: rivive così la multietnica corte di Federico II di Svevia. In programma molti altri eventi tra l’autunno e l’inverno che si concluderanno con il concerto per Federico II.


Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Commenta l'articolo

 

Editoriale

La tentazione pigliatutto della sindaca-segretaria. Ma ora lo Statuto dice che deve dimettersi

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Con il primo consiglio comunale parte ufficialmente l’amministrazione a guida...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato