Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Festa della Paesologia sesta edizione ad Aliano paese dei Calanchi

“Ci sono luoghi che hanno resistito alla generale evanescenza, luoghi dove si capisce che il romanzo lo scrive la natura, noi mettiamo solo qualche virgola”. Cosi tempo fa scriveva l’avellinese Franco Arminio poeta, scrittore e registaitaliano, autodefinitosi  «paesologo» nel guardare Aliano , il paese del Calanchi. “Un paese – dice Arminio-  fragile con un paesaggio solenne, un cielo discreto una crepa dove fioriscono gli abbracci”. L’occasione è l’appuntamento dal 22 al 25 agosto della sesta edizione de “La festa della Paesologia” la luna e i calanchi.  Una festa concepita e diretta proprio da Franco Arminio uno dei poeti probabilmente più importanti di questo paese e attuale direttore artistico del Festival della paesologia "La Luna e i Calanchi" di Aliano in provincia di Matera. Il paese della collina materana raccontato da Carlo Levi nel “Cristo si è fermato a Eboli” non appare più luogo di esilio, ma luogo di accoglienza. Si forma per qualche giorno una comunità provvisoria formata da artisti, più di centocinquanta, dal pubblico che arriva da ogni parte d’Italia e dagli abitanti del paese. I dati dell’edizione 2016 raccontano presenze per oltre venti mila persone che sono arrivate per vedere il paesaggio e ascoltare la storia e i profumi di questo luogo. Il merito principale è dello straordinario paesaggio che circonda Aliano. Per alcuni arrivarci viene un senso di lontananza, una sorta di Cappadocia, ma dentro i confini nazionali. Poi il format ben programmato e organizzato. Un intreccio di poesia e impegno civile che si svolge a oltranza, di giorno e di notte, fatto di canti, di spettacoli teatrali, di letture, di conferenze, e soprattutto di persone che si incontrano, accomunate dall’idea che l’Italia interna non è un luogo di retroguardia, ma un posto dove ci si può aprire all’impensato, dove si può sperimentare un nuovo umanesimo delle montagne. L’edizione 2017 ha in programma delle novità. Particolare il rilievo che verrà dato al tema dei migranti con la presenza di   attori istituzionali, autorevoli studiosi e parlamentari comunitari. Poi le visite ai calanchi, un paesaggio teatro di tante esperienze artistiche. Aliano è prontoper far conoscere un territorio, come si legge nella nota diramata alla stampa, “luogo in cui le frontiere tra gli umani si sgretolano e alla fine accade una cosa semplice e miracolosa: arriva il bene, arriva la lietezza”.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

I 18 anni di mio figlio autistico. Finché c’è scuola c’è speranza, e oltre la…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

E così mio figlio autistico ha compiuto i 18 anni...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato