Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Latronico, Balletto Lucano presenta «Esili»

 

Uno spettacolo itinerante di teatro-danza che vuole raccontare l’essenza dell’essere lucano e il suo vivere la propria terra come condizione di abbandono e di esilio, ma anche di coraggio, forza e bellezza. Sarà di scena domani, 18 agosto, alle ore 18,30, al MULA+ Museo di Latronico: “Esili, uomini, limiti scoperte” del centro “Balletto Lucano” diretto dalla coreografa lucana Loredana Calabrese. Il tema trae ispirazione dall’esilio di Carlo Levi in Lucania, che con le sue opere ha raccontato la verità, il silenzio e la leggerezza di questa terra. Da qui il duplice significato della parola esili o esìli: celebrazione dell’isolamento che trae forza dalla leggerezza mentale, permettendo creativamente di raggiungere forze e superare i limiti. Lo spettacolo è frutto di un progetto che utilizza il corpo come mezzo di connessione tra la natura che ci circonda, il rumore del suo silenzio e le emozioni che suggerisce, divenendo così acqua, vento, sole, terra, campi, mani, sudore, silenzio, esilio.

 

 

 

 

 

 

 

Commenta l'articolo

 

Banner Marf

Editoriale

La tentazione pigliatutto della sindaca-segretaria. Ma ora lo Statuto dice che deve dimettersi

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Con il primo consiglio comunale parte ufficialmente l’amministrazione a guida...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato