Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

«L’ultima ninna nanna della Lupa Briganta» dell’attrice lucana Eva Immediato. Ombre e le luci delle brigantesse in terra di Basilicata

Il bosco nel cuore. Lotte e amori delle brigantesse che difesero il Sud. Questo è quanto raccontato, in contrada Lucarelli, ad Agromonte Mileo, frazione del Comune di Latronico in “Ombre e luci nella terra dei Briganti”. Nella storiografia sul brigantaggio e sulla durissima repressione scatenata dall’ esercito sabaudo per il controllo del Sud, poco spazio è stato dedicato alle brigantesse. Ridotte, nella memoria collettiva, alla stregua di sbandate immorali e sanguinarie. In realtà donne che imbracciarono il fucile per passione, spinte dalla forza di un istinto profondo, da leggi ataviche e naturali. All’interno del teatro di Paglia, unico a livello nazionale, grande successo di pubblico attento alla rievocazione e al racconto che non ha esitato a battere le mani ogni qualvolta la passione del racconto si trasformava in una emozione pura dettataanche da una scenografia di luci al limite del vero e del reale. “L’ultima ninna nanna della Lupa Briganta” di Eva Immediatoe Leonardo Pisani. Vissuta a Lagonegro fino all’età di 18 anni per poi trasferirsi a Roma per completare gli studi universitari e cominciare a lavorare come attrice, Eva Immediato ha raccontato una storia come è nel suo stile teatrale.Una storia narrata, un interprete e tante persone che riescono a sentire sensazioni, sentimenti. Avivere, con l’attore, il momento.Così è stato. Un crescendo di forza e di passione passando attraverso le vite e le scelte di tre donne, ciascuna delle quali emblematica di qualcosa. La passione civile di Maria Lucia Dinella, l'anelito di libertà di Serafina Cimminelli fino alla passione carnale, sanguigna, di Niccolina Licciardi. Maria Lucia Dinella di Avigliano, abbandonata dai genitori dalla nascita ebbe un insperato svolta quando fu notata e ammirata da Francesco Summa, fratello del celebre brigante detto Ninco Nanco. Niccolina Licciardi la donna che subentrò a Margherita nelle grazie del brigante calabrese Bizzarro, uomo violento e sanguinarioche imperversava nelle Calabrie. Fu proprio la brigantessa Licciardi a uccidere il proprio uomo un giorno in cui braccati dai piemontesi, in un raptus di follia omicida, sfracellò contro le pareti di una caverna il neonato avuto dalla compagna, per la sola ragione che il pianto del bimbo rischiava di rivelarne la presenza agli inseguitori.Da quella macabra circostanza si persero le tracce di questa brigantessa. Serafina Cimminelli, donna del Brigante francavillese Antonio Franco. La più nota brigantessa dell’area del Pollino, Serafina Ciminelli. figlia di piccoli proprietari terrieri di Francavilla sul Sinni, devoti al Borbone, si votò insieme a tutti i suoi familiari, anche sua sorella Teresa la seguì “alla macchia”, alla causa legittimista, seguendo il suo compagno Antonio Franco, l’unico che fino alla morte si proclamò fedele a Francesco II. Meglio morire in piedi che continuare a vivere in ginocchio era il grido anche di queste donne che insieme alla celebre Michelina De Cesare, Maria Oliverio e Filomena Pennacchio fecero la scelta dei boschi che al tempo non erano luoghi di amore bensì posti di libertà. La libertà come principio di vita. Testimonial di questo evento, l’attrice campana, Giuliana De Siodue volte David Donatello e protagonista di tanti film e lavori televisivi al femminile.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Banner Marf

Editoriale

La tentazione pigliatutto della sindaca-segretaria. Ma ora lo Statuto dice che deve dimettersi

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Con il primo consiglio comunale parte ufficialmente l’amministrazione a guida...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato