Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Il MIG per la XIII Giornata del Contemporaneo Amaci

Sabato 14 ottobre 2017, dalle 10.30 alle 12.30, e dalle 17.00 alle 20.00, a Castronuovo Sant’Andrea, per iniziativa del MIG. Museo Internazionale della Grafica - Biblioteca Comunale “Alessandro Appella” - Atelier “Guido Strazza” - Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” - Museo della Vita e delle Opere di Sant'Andrea Avellino, si terrà la XIII Giornata del Contemporaneo, un evento interamente dedicato all'arte del Novecento attraverso incontri, mostre e attività didattiche. Ancora una volta, sollecitati da AMACI (Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani), circa 1000 realtà dell’arte contemporanea apriranno le loro porte al pubblico, garantendo per l’intera giornata la partecipazione gratuita a tutte le iniziative in programma. Il MIG aderisce per la sesta volta all’iniziativa, proponendo un interessante incontro, dalle 10.30 alle 12.30, Pasquale Santoro, l'artista originario di Ferrandina (MT) da anni trapiantato a Roma, che nelle sale del museo incontrerà gli studenti degli istituti dei paesi del Pollino e dell’Appennino lucano per un seminario incentrato sul tema: come nasce una scultura. Riconosciuto tra i padri nobili della scultura astratta italiana, Santoro, detto Ninì, aderì, a partire dalla fine degli anni Cinquanta, al "Gruppo Uno" (Biggi, Carrino, Frascà, Uncini, Pace), formato da artisti che posero alla base del proprio linguaggio la ripresa dei procedimenti tradizionali dell'arte, "riconsiderati - come sottolineò Giulio Carlo Argan - da un nuovo punto di vista, come mezzi di indagine". Il gusto e la libertà  della ricerca sperimentale (esercitata nella pittura, nella scultura, nella grafica, nella ceramica, nel design, nel gioiello, soprattutto dopo l'esperienza con Hayter), portarono Santoro, più tardi, ad abbandonare il "Gruppo Uno" e a continuare da solo le proprie ricerche, attraverso interessanti esperimenti sui diversi linguaggi espressivi e sulle molteplici tecniche che questi linguaggi sostengono come primari elementi strutturali, fondamentali capacità artigianali e specificità di materie. In scultura, è l’acciaio il materiale prediletto della sua indagine, plasmato e scomposto con grande libertà, partendo dall’osservazione ravvicinata della natura, poi declinata con processi autonomi e mai figurativi. Piani che si compenetrano e che s’incontrano per dar vita a una linea che conduce a riflettere sugli statuti stessi della forma e le sue infinite e sfaccettate prospettive. I titoli tradiscono il legame con la natura, come Foresta pietrificata del 1967, commissionatagli da Palma Bucarelli per la “sua” Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma; o Allucinazione semplice di un paio d’anni prima, in cui una serie di fasce ferrose orizzontali si fondono con un ritmo analizzato nei minimi particolari. C’è, però, nella scultura di Santoro un approccio non scientifico, come egli stesso ama ribadire, prendendo le distanze da molte esperienze italiane e straniere coeve. Chiaramente emergono connessioni con alcune indagini legate al Minimalismo, ma in Santoro prevale il lato poetico che gli deriva da un’assidua frequentazione con quello straordinario mondo ben sintetizzato in uno scatto che lo ritrae di fronte a Giuseppe Ungaretti nel 1968 in occasione della sua mostra alla Grafica Romero a Roma. Fu lo stesso poeta a presentargliela con un testo: “Mi sono persuaso che Santoro è un artista, un artista nato, un artista che va di attimo in attimo, progredendo, cocciuto e illuminato, stravagante e osservante stretto della regola, cercandosi la propria strada, un artista che finalmente, credo, abbia trovato la strada che gli darà quelle maggiori soddisfazioni alle quali un artista vero possa ambire”. 

In occasione della XIII Giornata del Contemporaneo, inoltre, sarà possibile visitare, nelle sale del MIG,  la mostra antologica dedicata a Bram Van Velde, inaugurata il 30 settembre scorso e aperta fino al 9 dicembre 2017; l'Omaggio a Giulia Napoleone, una mostra firmata ACAMM, proposta nei presidi culturali del quadrilatero in occasione della grande antologica in corso presso l’Istituto centrale per la grafica di Roma (15 settembre -12 novembre 2017); le incisioni di Jorg Neitzert che rilegge Luca Pacioli, allestita negli spazi del museo per la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo – F@MU. 

NOTIZIE BIOGRAFICHE

Pasquale Santoro è nato il 30 settembre 1933 a Ferrandina (MT). Trasferitosi a Roma con la famiglia, frequenta il Liceo Classico e si iscrive alla Facoltà di Medicina che abbandona per dedicarsi all'arte. Nel 1956 inizia l'apprendistato presso la "Scuola del Nudo" di Antonio Corpora, nello studio di via Margutta, conosce Achille Perilli e frequenta Giuseppe Capogrossi. Attraverso Argan, incontra Lionello Venturi e Nello Ponente. Nel 1958, vinta una borsa di studio, è a Parigi dove frequenta l'Atelier 17 di Stanley William Hayter e incontra Jean Paulhan e gli intellettuali che facevano capo alla "Nouvelle Revue Français". Del 1959 è la sua prima mostra personale alla Galleria Appia Antica. Seguiranno, nel 1962 la partecipazione alla Biennale di Venezia (dove sarà presente anche 1966 e nel 1976), nel 1963 la presentazione del "Gruppo Uno" alla Galleria Quadrante di Firenze, la partecipazione alla IV Biennale di San Marino e alla VII Biennale di San Paolo del Brasile, nel 1964 la IV International Biennal Exhibition of Prints di Tokyo, nel 1966 la III Exposition Internazionale de la Sculpture Contemporaine al Museo Rodin di Parigi, nel 1971 la personale alla Galleria Qui Arte Contemporanea di Roma, subito riproposta a Parigi al Musée d'Art Modern de la Ville, nel 1973 la personale di gioielli a Montreal. Nel 1978 viene chiamato da Carlo Bertelli a tenere un corso di grafica presso la Calcografia Nazionale dove rimarrà fino al 1983. Espone, in seguito, a Mosca, Leningrado, Amsterdam, Roma, Pisa.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

La tentazione pigliatutto della sindaca-segretaria. Ma ora lo Statuto dice che deve dimettersi

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Con il primo consiglio comunale parte ufficialmente l’amministrazione a guida...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato