“Nel cuore dell'Africa”, è il libro del fotografo di Palagiano, in provincia di Taranto, Fedele Forino. Il libro, 150 pagine a colori e in bianco e nero, tra i colori caldi dell’Africa e oltre 60 meravigliosi scatti, è stato presentato qualche giorno fa a Taranto.  Da Palagiano a Mottola, passando attraverso i colori e le emozioni dell’Africa, per metterle in mostra nel Castello Aragonese. Fotografo pluripremiato dal National Geographic, di origini palagianesi, Fedele Forino è titolare di uno studio fotografico a Mottola, di grande richiamo. Il libro, fresco di stampa, edito Dellisanti, ha come curatrice dei testi la giornalista Maria Florenzio molto apprezzata nel territorio tarantino. Un lavoro sostenuto dall’associazione Azione Verde Opera Don Bonifacio ONU. Sono scatti fotografici e scritti di grande interesse che descrivono la vita sociale e culturale nell’Africa. Sono pose che guardano negli occhi i protagonisti di questa avventura dove viene raccontato silenziosamente il vissuto della gente di quei luoghi, attraverso i colori, i gesti. Dalla povertà emergono singolari espressioni dei volti, squarci di vita quotidiana. Foto che lasciano un’impronta significativa nel cuore del lettore. Nei volti di donne, uomini, soprattutto bambini c’è il forte desiderio di un futuro diverso. Un sorriso che ha un solo desiderio: una vita semplice, ma possibile. Un libro, quello di Fiorino, che arriva dopo anni di viaggi in Africa e di esperienze personali che lo hanno portato a condividere, di quel mondo, disperazione, speranze, ma anche la bellezza interiore di chi in quei luoghi ci abita e vi sopravvive oltre che il fascino paesaggistico della natura incontaminata. C’è il patrocinio del Comune di Palagiano, che ha voluto essere vicino al suo illustre cittadino. “Come amministrazione – ha sottolineato Domenico Pio Lasigna, primo cittadino di Palagiano – abbiamo voluto da subito dare lustro a quelle intelligenze che Palagiano sa di avere e deve valorizzare. Fedele Fiorino è nella rosa delle nostre eccellenze umane” Pagine che testimoniano la passione per la fotografia che l’autore palagianese, coltiva da quando il padre gli affidò tra le mani la prima macchina fotografica. “L’esperienza maturata sul campo semplicemente- aggiunge Maria Florenzio, giornalista, curatrice dei testi - per imparare a concepire la foto come un’opera d’arte e, quindi, realizzarla, con il massimo della creatività, senza improvvisare, senza approssimare, senza lasciare nulla al caso, puntando semplicemente a cogliere emozioni, a regalare emozioni, esattamente come questo suo primo book editoriale vuole e sa fare”. Un volume che ha una valenza culturale, ma soprattutto sociale: parte del ricavato della vendita del libro sarà devoluto per azioni e interventi solidali in Africa. La foto in copertina “la voglia di giocare” è stata giudicata la miglior foto tra quelle pervenute nel settembre 2013 al National Geographic Italia. Semplice e spontanea ma pur sempre suggestiva. Una frase coglie l’animo di un lettore attento alle pagine di questo piccolo pamphlet. Accanto ad una foto di un bambino tra le sbarre c’è scritto: non sono queste le sbarre le mie prigioni, ma l’incapacità di molti di guardare nel mio cuore. Una frase di grande valore emotivo da sventolare soprattutto in questo prossimo Natale 2018. 

Oreste Roberto Lanza

0
0
0
s2sdefault