"L’1 e l’8 agosto, in concomitanza con l’erogazione dei parziali rimborsi dell’Inps, l’Ugl fornirà assistenza gratuita a chi vorrà avviare un ricorso alla magistratura contro il governo che volta le spalle alle categorie più deboli. In particolare, l’Ugl ha individuato nella Città di Policoro (MT) il territorio ideale per l’iniziativa che fa parte di una più ampia mobilitazione che si terrà anche in oltre 50 piazze italiane, da Nord a Sud fino alle isole”.

Lo dichiarano il segretario provinciale dell’Ugl, Pino Giordano ed il segretario provinciale dei Pensionati di Matera, Vincenzo Calabrese per i quali, “sosteniamo che i diritti non vanno mai in vacanza, nemmeno quelli collegati ad un’adeguata rivalutazione della propria pensione. L’Ugl sarà con gazebo a Policoro, principale meta turistica della fascia Ionica/Metapontina, sabato 1° agosto dalle ore 10.00 alle 22.00 in P.za Eraclea, e nelle stesse fasce orarie sul Lungomare il sabato successivo, 8 agosto. In linea con la Confederazione Generale Ugl abbiamo dato il via a questa iniziativa perché il governo, con prepotenza inaudita, ha aggirato e in larga parte cancellato la sentenza della Corte Costituzionale con il famigerato decreto Poletti. Il rimborso che verrà offerto ai pensionati come recita il nostro slogan – proseguono Calabrese e Giordano - è solo una parte di ciò che spetta loro di diritto. Non resta altro che ricorrere alle vie legali. In Basilicata possono beneficiare del cosiddetto ‘bonus Poletti’ migliaia di pensionati, ovvero chi ha un reddito lordo compreso tra tre volte il minimo (circa 1400 euro lordi), e sei volte il minimo (circa 2.805 euro). Inoltre la differenza totale tra ciò che spetta di diritto alla categoria, e ciò che invece verrà effettivamente rimborsato, oscilla tra un minimo di 730 euro fino a circa 2.100 euro a persona. Non possiamo restare fermi a guardare quest’ingiustizia” – concludono i segretari Ugl.