Alle 19:30 circa di ieri il Soccorso Alpino ha individuato in lontananza lo zaino del ragazzo

Dopo giorni di ricerche ininterrotte, è stato trovato il corpo senza vita del 29enne escursionista francese Simon Gautier, nei pressi del Pianoro di Ciolandrea nel comune di San Giovanni a Piro. Alle 19:30 circa di ieri, uno degli uomini del Soccorso Alpino, con il binocolo ha individuato qualcosa in lontananza, si trattava di uno zaino. Una delle squadre si è calata in fondo al burrone e ha ritrovato il corpo. Il giovane risultava disperso sui monti del Golfo di Policastro dal 9 agosto scorso. 

 

L’allarme era scattato a seguito di una telefonata effettuata dallo stesso 29enne con il proprio cellulare in cui affermava di essersi ferito alle gambe e di non riuscire più a muoversi. Negli ultimi due giorni le ricerche si erano concentrate su una vasta area compresa tra Policastro, Scario, e Marina di Camerota. Inizialmente però si è cercato addirittura verso Sapri e Maratea. Sul luogo delle ricerche non soltanto Vigili del Fuoco, Carabinieri, Protezione Civile, uomini della Croce Rossa e del Soccorso Alpino e speleologico, ma anche decine di volontari e diversi amici di Gautier giunti dalla Francia. 

 

Le ricerche sono state effettuate via terra, ma anche con elicotteri e con dei droni. Il passare dei giorni però aveva fatto affievolire le speranze. Ieri pomeriggio purtroppo il macabro ritrovamento. Intorno alle 19:30 un uomo del Soccorso Alpino con il suo binocolo ha avvistato uno zaino in un burrone dove si è calata una squadra trovando il corpo dello sfortunato escursionista che aveva intenzione di compiere una camminata in solitaria fino a Napoli. Il suo ultimo avvistamento registrato da una videocamera di sorveglianza risale a giovedì 8 agosto alle 17:30 a Santa Marina di Policastro. Sembrerebbe che il giovane abbia trascorso la notte sulla spiaggia della Molara da dove il giorno successivo avrebbe iniziato il suo cammino in montagna verso Napoli.


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor