Falso e truffa ai danni dell’Unione Europea. In Basilicata non ci facciamo mai mancare nulla. Non ci occupiamo delle indagini. Per quello ci sono le Autorità competenti. Ma nella nostra interrogazione, presentata oggi, chiediamo alla Giunta quali sono le opere finanziate con fondi comunitari dalla Regione Basilicata oggetto dell’indagine e quali sono i Comuni coinvolti e soprattutto provvedimenti e le azioni che il Governo regionale intende adottare. Perché si sa, in Basilicata, c’è l’abitudine di coprire le responsabilità. E questo è l’atteggiamento più aberrante del Sistema Pd. Sarebbero una quindicina le opere, mai ultimate, per le quali alcuni Comuni lucani avrebbero chiesto, alla Regione, i finanziamenti europei presentando rendicontazione falsa e dichiarandone il completamento. Completamento che non vi sarebbe stato. Addirittura, in alcuni casi, pare che non sarebbero neanche iniziati i lavori. Di qui la truffa. Ci chiediamo se il Presidente della Regione, quando si vanta della spesa regionale dei fondi comunitari come di un meccanismo virtuoso, includa anche questi casi. Sappiamo solo che la Regione non può nascondere la testa sotto la sabbia, questa volta. Ci aspettiamo che vengano presi provvedimenti che non siano solo ‘amministrativi’ ma anche politici. La classe che ci governa non può essere costituita da persone che utilizzano soldi pubblici, fossero anche comunitari, per dare contentini ad aziende ‘amiche’. C’è bisogno di pulizia, anche se ci rendiamo conto che il Pd dei poteri forti non abbia interesse a scoperchiare le pentole. Sguazza nella melma che esso stesso ha creato.

Potenza, 8 Gennaio 2016

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale

0
0
0
s2sdefault