Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Ruoti, il Sindaco Scalise destituisce il vicesindaco Salinardi

La destituzione da Vicesindaco di Angelo Salinardi segna il venir meno di un rapporto fiduciario. E’ un atto per me doloroso ma dovuto. Doloroso sotto il profilo umano per i rapporti di cordialità che erano a monte di questa esperienza politico-amministrativa, doveroso sul piano politico. In questi mesi si è lavorato per il bene comune e negli interessi dell’intera comunità di Ruoti. Ho cercato e cerco di interpretare il ruolo di Sindaco con questo spirito, come molti in questa regione, e forse con un tratto ed uno stile che condivido con tante donne impegnate in politica. La mia storia precedente è quella di un forte impegno nel sociale e per questo accolsi con entusiasmo l’invito a candidarmi in una comunità a pochi passi dalla città in cui vivo e dove molti ruotesi laboriosi danno il loro contributo, facendosi conoscere e stimare. Quando Salinardi e gli altri amici della lista mi chiesero di mettermi al servizio di un progetto di crescita e di sviluppo della comunità, ho interpretato questa volontà con convinzione e determinazione, trascorrendo ogni giorno facendo del mio meglio. Mi sono ritrovata accanto giovani amministratori molto motivati, desiderosi di dare nuovo impulso alla vita sociale ed economica del paese, ed una opposizione con varie anime critiche, alcune pronte alla discussione ed al confronto, altre con la stessa cultura di fazione, pregiudizialmente ostile. Se il mondo di oggi si divide ancora in amici e nemici da combattere, evidenzio che è per me una cultura del tutto estranea, così come mi è estraneo l’atteggiamento della prevaricazione, dell’offesa e della insinuazione, ancor più inaccettabile se rivolto ad una donna. La vicenda dell’aggressione verbale alla segretaria comunale di Ruoti si commenta da sé. Le testimonianze raccolte dagli organi preposti non lasciano spazio a smentite. Mi sarei attesa  delle scuse, il riconoscimento di avere ecceduto ed un gesto simbolico, come le dimissioni da parte del Vicesindaco, che sarebbero servite a sanare l’accaduto. Chi riveste ruoli importanti nelle Istituzioni non può, infatti, porre in essere simili atteggiamenti e a maggior ragione nei confronti di un pubblico ufficiale. Ma così non è avvenuto, anzi, si cerca di mistificare la realtà, negando l’accaduto e delegittimando le persone, con insinuazioni e affermazioni destituite di ogni fondamento: una tecnica di capovolgimento della realtà. Ho ricevuto in queste ore molte attestazioni di stima, e questo è per me motivo di grande consolazione in un momento di profondo turbamento, dovendo prendere atto che un rapporto fiduciario è stato tradito e non soltanto venuto meno. Quando nel comizio finale l’ex vice-sindaco fece dichiarazioni talmente equivoche e spropositate da attirare l’attenzione dei media nazionali, facendomi apparire una marionetta nelle sue mani, credetti alle sue giustificazioni ed al travisamento delle sue parole. I rapporti di cordialità e di stima da lui sempre manifestati nei miei confronti mi sembrarono più convincenti delle sue improvvide dichiarazioni; ma oggi, alla luce di quanto sta accadendo e delle sue dichiarazioni, ho motivo fortemente di dubitare, salvo concrete dimostrazioni contrarie e di prendere atto che ci eravamo reciprocamente sbagliati: io nel credere alla sua buona fede e lui sulla mia persona. Il solo ipotizzare che le donne siano  marionette nelle mani di qualcuno è l’unico pensiero, in questo frangente, capace di farmi sorridere. Ciò che si rileva sul piano politico, non essendo certo stata nominta da qualcuno, bensì eletta, è una cultura non di fazione ma inclusiva e ritengo stia generando risultati positivi, di coesione sociale, di fiducia nel rapporto istituzioni-comunità e che senza dubbio potrà continuare. Molte sono infatti le attività in corso, le opere da realizzare e le cose che si devono e si possono fare per la nostra comunità e che questa amministrazione con il concorso di tutti ha messo in piedi.

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione