Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

No al permesso di ricerca petrolifera masseria La Rocca a Potenza

Questa mattina, il Consiglio dei Ministri ha respinto la richiesta di proroga al permesso di ricerca petrolifera Masseria La Rocca-Montegrosso ricadente nell'area Brindisi Montagna-comune di Potenza. L'importantissimo risultato è stato raggiunto grazie all'impegno del vice presidente del Consiglio dei ministri Luigi Di Maio e del ministro dell'Ambiente Sergio Costa. Il permesso è stato respinto perchè mancava la Via (Valutazione di impatto ambientale). La procedura di Via non era stata attivata, perchè la Regione Basilicata, nel 2009, a seguito di una determina dirigenziale, aveva escluso la necessità che la Via venisse prodotta. In pratica, la Regione Basilicata, pur facendo propaganda, attraverso atti e dichiarazioni in cui diceva che l'autorizzazione non dovesse essere concessa, riteneva che il progetto di ricerca non fosse in contrasto con le norme vigenti in tema di tutela dell'ambiente e salvaguardia del territorio. Motivo per cui, le delibere di Giunta regionale successive (politiche e non tecniche), non apportando motivazioni aggiuntive di carattere tecnico, erano sempre inefficaci e in contrasto con la determina dirigenziale della Regione stessa del 2009, creando di fatto i presupposti per dar ragione alla compagnia petrolifera a seguito delle pronunce di Tar e Consiglio di Stato. A dipanare il contenzioso, è stata la determinazione e la scelta del Consiglio dei ministri e dei ministri Di Maio e Costa, che hanno deciso di non autorizzare la proroga del permesso di ricerca perchè mancava la Via con cui si sarebbero dovuti valutare i rischi ambientali. “Si tratta – ha dichiarato Antonio Mattia, candidato presidente alla Regione Basilicata del M5S - di un primo atto, tra i tanti che ci saranno, che servirà ad affrontare l'emergenza petrolio in Basilicata, così come è stato assicurato ai lucani dal M5S in campagna elettorale e dal vice presidente del Consiglio Di Maio, quando il 7 ottobre scorso ha tenuto un comizio a Potenza. Dopo decenni di devastazioni autorizzate e consentite dalla Regione Basilicata, dai governi nazionali di centrosinistra e centrodestra, - ha aggiunto Mattia - con il M5S al governo, i territori e i cittadini verranno salvaguardati. Con il M5S, i cittadini sanno che verrà sempre tutelato il bene comune e le multinazionali delle trivelle non potranno più agire indisturbate con la complicità delle istituzioni pubbliche, dei Pittella e dei De Filippo di turno. La Regione Basilicata, che finora è stata in mano al PD, non potrà più fare i doppi giochi propagandistici, come in questo caso, in cui, da un lato aveva autorizzato il permesso di ricerca petrolifera, senza richiedere la Via (Valutazione di impatto ambientale), e dall'altro presentava e annunciava ricorsi farlocchi al Tar, al Consiglio di Stato e alla Corte costituzionale. Con il M5S al governo della Regione tutto questo non accadrà più e i cittadini potranno stare tranquilli”.

 

Editoriale

Il Natale che non c’è e la luce della vera stella

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

A giudicare dall’effluvio di messaggi, video e citazioni che diffondono...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione