logo bn ultimo

 

Non ammissibile il conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sollevato dalla Regione in merito al taglio dei parlamentari 

Via libera all'election day del 20 e 21 settembre. Il semaforo verde arriva dalla Corte costituzionale che ha dichiarato inammissibili i 4 conflitti di attribuzione che erano stati sollevati sul taglio dei parlamentari e sul relativo referendum e sull'abbinamento della consultazione con le elezioni per il rinnovo di sette Consigli regionali. A proporre i conflitti erano stati il Comitato promotore per il no, la Regione Basilicata, il senatore Gregorio De Falco (Gruppo misto) e +Europa.

"Rispetto la decisione della Consulta ma ribadisco la mia convinzione riguardo all'inopinata riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari, che a questo punto, in caso di esito positivo del referendum, comporterebbe una lesione grave della rappresentatività parlamentare costituzionalmente riconosciuta alla Regione, che verrebbe drasticamente ridotta". Così, attraverso l'ufficio stampa della Giunta, il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi (centrodestra), ha commentato la decisione della Corte costituzionale che ha dichiarato non ammissibile il conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sollevato dalla Regione Basilicata in merito al referendum sul taglio dei parlamentari.

 

 

 


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor