Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Csail: si ricarica la card carburanti e aumentano i listini nelle stazioni di servizio, specie in Eni-Agip

Strana coincidenza quella dei ritocchi in alto nelle stazione di servizio della regione, in particolare Eni-Agip, dei prezzi dei carburanti alla pompa in concomitanza con la ricarica della card carburanti. Lo afferma il Csail che ha monitorato i listini Eni sul territorio lucano: la benzina varia da 1,499 euro a 1,519 e vede la Basilicata al13esimo posto nella graduatoria delle regioni (a partire dai primi posti di  quelle più economiche); il diesel da 1,339 a 1,369 (15esima); il gpl da 0,569 a 0,582 (decima); il metano da 0,985 a 1,018 (13esima).  A questo – evidenzia il portavoce Filippo Massaro – si aggiunge la forte disparità tra self service e sovraprezzo per il servito - mediamente 8,8 centesimi di euro in più al litro per la benzina e 9,1 centesimi di euro in più al litro per il gasolio - imposto dall’Eni, azienda leader del mercato sia in termini di quota mercato (oltre 25%), sia in termini di punti vendita (poco meno del 20%), oltreché essere saldamente sotto il controllo del Governo (30% del pacchetto azionario di proprietà della Cassa Deposito e Prestiti). Il caro carburante con oscillazioni di prezzo quotidiane e variazioni consistenti tra i vari loghi – continua – è ancora più incomprensibile in Val d’Agri e rafforza – commenta Massaro – la nostra proposta di Zona franca che riducendo il costo dei carburanti alla pompa in Val d’Agri ci sgravi delle accise, vale a dire sia un beneficio diretto e perenne per gli automobilisti residenti nel comprensorio del petrolio. Nelle stazioni della Val d’Agri a pochi chilometri dal Centro Oli di Viggiano i prezzi alla pompa sono superiori a quelli che si registrano altrove e che spingono molti automobilisti a fare il pieno nel salernitano. Sono sempre le accise a pesare sul costo finale. Si tratta di balzelli anacronistici, introdotti per finanziare guerre ed emergenze e mai eliminati, al punto da pesare per 0,50 euro su ogni litro di carburante, considerata anche l’Iva. Le tasse, stando alle rilevazioni di Assopetroli-Assoenergia, rappresentano in Italia il 64,45% del prezzo finale della benzina, una quota che nella media europea si attesta invece al 58%.  Rinnoviamo pertanto un appello ai cittadini e ai parlamentari di tutti i partiti affinché si costituisca un fronte comune per chiedere al Governo una sensibile riduzione delle accise, volta a ridurre da noi il costo del carburante alla pompa per renderlo più sostenibile per famiglie ed imprese, e a compensazione dei gravissimi danni procurati dal Centro Oli Eni di Viggiano all’ambiente all’economia e alla salute dei cittadini.
Il risparmio nei distributori “no logo” è stimato mediamente intorno agli 11-15 centesimi da Federconsumatori e Adusbef, che parlano di "132 euro all’anno in meno sui pieni di carburante". Il problema, segnalano le associazioni dei consumatori, è che "questi impianti sono ancora troppo poco diffusi sul territorio nazionale: appena il 5% circa dell’intera rete di distribuzione, percentuale che per incidere maggiormente sulle tasche degli automobilisti dovrebbe crescere almeno al 15%".

E’ evidente che la ricarica della card carburante in questi giorni – conclude Massaro – ha tutto il significato di una beffa: da una mano Governo e compagnie elargiscono e dall’altra si riprendono.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

Il presepe è una rappresentazione sacra non un simbolo della tradizione

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

In questa nostra Italia litigiosa anche i segni della fede...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione