Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Dialogo interculturale, pace e diritti umani nei Paesi Mediterranei. La summer school della cattedra Jaques Maritaine

Da sempre terra accogliente per tanti popoli di diverse tradizioni, culture e religioni, la Basilicata vuole continuare a promuovere il dialogo interculturale che porta alla pace tra gli uomini. La Cattedra Jacques Maritain, inaugurata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella lo scorso 17 luglio, guarda proprio in quest’ottica: nella positiva prospettiva del costruire ponti solidali sul Mediterraneo.
Acque della discordia e di soprusi, acque che riflettono l’insensibilità e l’assenza di solidarietà tra le persone che, se un tempo abitavano la culla della civiltà, oggi vivono nell’indifferenza verso il prossimo e il vicino. La Cattedra Unesco è un centro vivo di confronto e dialogo tra i popoli del Mediterraneo, una presa di impegno per costruire un futuro di pace e solidarietà partendo dall'ascolto, dall'educazione e dalla conoscenza dell'altro. L’Istituto Internazionale Jacques Maritain promuovendo, sin dalla sua fondazione, la diffusione di una cultura solidale e accogliente, attenta alla persona e ai suoi diritti vuol favorire il dialogo interculturale attraverso lo studio, l’approfondimento e il confronto tra giovani studiosi, ricercatori e professori provenienti dai paesi mediterranei.
È Jacques Maritain - filosofo francese che nello scorso secolo tanto si è speso per il rispetto dei diritti umani, per la tutela della dignità della persona e per la convivenza pacifica tra le pluralità di culture e religioni – ad indicare la strada per quell'Amicizia civile tanto auspicata quanto difficile da raggiungere. Nel solco di questa amicizia nello scorso luglio più di trenta tra ragazzi e professori provenienti da varie università “mediterranee” con il Corso Alti Studi sul Mediterraneo “Pace e dialogo tra le culture e le religioni del Mediterraneo” hanno cominciato a costruire il ponte del dialogo e dell'inclusione.
Un lavoro che continuerà, da lunedì 4 a venerdì 8 settembre, con la V International Summer School “Dialogo interculturale, pace e diritti umani nei Paesi Mediterranei” promossa dall’Istituto in collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata e l’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici - Cooperazione Euromediterranea della Regione Basilicata.
La prima giornata - dopo i saluti istituzionali del presidente della Regione Pittella, del sindaco De Luca, della Rettrice dell’Unibas, della Dirigente regionale Minardi e del Segretario Generale dell’IIJM Gennaro Curcio – rifletterà sul tema “Un nuovo umanesimo per il Mediterraneo” affidando le conclusioni al Direttore Distrettuale dell’Antimafia di Napoli e Procuratore di Benevento Giovanni Conzo.
Martedì a Sant’Arcangelo, esempio di accoglienza con la Fondazione Città della Pace per i Bambini Basilicata, il dibattito si concentrerà sul ruolo delle donne nella cultura mediterranea. A Matera si analizzerà il fondamentale ruolo che la Capitale della Cultura 2019 può avere nel favorire la conoscenza, lo studio e la ricerca per l'incontro con l'altro. A Brienza l’attenzione sarà posta sugli aspetti sociali fautori della pace nel Mediterraneo e sul legame tra Mario Pagano e i diritti umani. Satriano ospiterà la chiusura dei lavori con il tema “Democrazia, dialogo interculturale e diritti umani”.   
Sarà un ponte percorso da persone che, grazie alla fellowship maritainiana, nella differenza coglie la bellezza della persona e dell'umano. La bella definizione del filosofo francese descrive bene il senso delle attività della Cattedra: il termine fellowship evoca, infatti, l’idea di compagni di viaggio che per caso si ritrovano riuniti quaggiù e camminano per le strade del mondo in buon accordo umano e in cordiale solidarietà. La Summer School, e dunque la Cattedra Jacques Maritain, vogliono essere uno strumento di comprensione e di intesa tra le tante e belle culture mediterranee, per favorire e sostenere il dialogo tra membri di differenti famiglie religiose e culturali. Un progetto importante di formazione, diffusione e promozione culturale che infonde ottimismo ed entusiasmo per un futuro di pace e rispetto reciproco. Un laboratorio per imparare a costruire ponti e abbattere muri!

Commenta l'articolo

 

Editoriale

Il presepe è una rappresentazione sacra non un simbolo della tradizione

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

In questa nostra Italia litigiosa anche i segni della fede...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione