Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

       FAMIGLIA E SOCIETA'

       

 

     a cura della dott.ssa Silvia Silvestri - Consulente Legale e Mediatrice

       

A+ A A-

Giornata mondiale del cane: 10 motivi in più per cui è giusto omaggiarli e 10 libri consigliati ai nostri lettori

 

La Giornata Mondiale del Cane si celebra il 26 agosto di ogni anno ed è sicuramente un’occasione importante per ricordare quanti benefici gli animali possono donare e quanto gli amici a 4 zampe siano capaci di amare incondizionatamente i propri padroni. Oggi i riflettori sono puntati sui nostri amici cani, che per chi si prende cura di loro farebbero qualsiasi cosa.

Non esiste patto che non sia stato spezzato, non esiste fedeltà che non sia stata tradita, all'infuori di quella di un cane veramente fedele", diceva Konrad Lorenz. Una frase oggi attuale ancor più se si considera quanti festeggiano la Giornata Mondiale del Cane.

Il sito VelvetPets ha elencato i dieci motivi per i quali è giusto celebrare e omaggiare gli amici a quattro zampe, ed eccoli di seguito per i nostri lettori:

1) Sono i primi a salutare quando si torna a casa, dopo una giornata di lavoro.

2) Avvertono subito se qualcuno è triste.

3) Alleviano lo stress.

4) Mantengono in forma grazie alle lunghe passeggiate ai giochi casalinghi, da fare in casa o fuori.

5) Sono sempre disposti a donare affetto.

6) Riescono a consolare magari dopo la rottura con un fidanzato o una fidanzata.

7) Ripongono fiducia incondizionata nel loro padrone.

8) I loro "baci" sono salutari, parola di scienza.

9) Non abbandonano mai il loro padrone.

10) Portano gioia, e aiutano a fare amicizia.

Dal Costa Rica, Paese in cui metà delle famiglie ha almeno un cane in casa, proprio oggi arriva una notizia rivoluzionaria che sembra perfetta per celebrare questa giornata. L’Universidad Latinoamericana de Ciencia y Tecnología (Ulacit) ha permesso ai membri della comunità universitaria di portare i loro quattrozampe nel campus, incluse anche le lezioni, a patto che non disturbino. L’idea di questa università privata con sede nella capitale San José è di consentire a studenti, professori e personale amministrativo di trascorrere più tempo con i loro animali domestici.  

Ogni studente con cane deve leggere ed accettare il regolamento emesso dall’università che prevede la buona convivenza e l’accordo con i suoi compagni di classe, nel caso in cui uno di loro sia infastidito dalle presenza del cane in classe. Chi introduce un cucciolo nelle aule deve presentare all’università un certificato veterinario sullo stato di salute del cane, compilare un modulo con i dati completi del proprietario, pagare una tassa di 10 dollari e portare con sé un kit di pulizia e deve essere responsabile della pulizia dei rifiuti dei loro cani. Ulteriore idea vincente è quella che, in alternativa, prevede anche un “asilo” per cani, in modo che non siano costretti a stare solo nelle aule durante i corsi.  

Da noi questo genere di iniziative non vengono ancora apprezzate ma per questa occasione abbiamo preparato per i nostri lettori una selezione di 10 libri da leggere, per tutte le età e per tutti i gusti, consigliati a chi ha un amico a 4 zampe, a chi vorrebbe aprire la porta di casa ad un nuovo ospite o semplicemente ha chi ha voglia di scoprire un mondo nuovo fatto di continue sorprese, cuore, e fiducia. Un tuffo in una letteratura insolita, ma che come i suoi protagonisti sa regalare grandi emozioni.

L’arte di correre sotto la pioggia

La voce narrante della storia è quella dal cane di Denny, Enzo. Denny è un pilota di auto da corsa che vive a Seattle con il suo cane. Nel corso del racconto Denny si innamora di Eve e da lei avrà una figlia, Zoë. Enzo spiegherà il vero significato della vita al suo padrone, aiutandolo a proseguire contro il futuro.

Baldo: i cani ci guardano

Baldo prende la parola per dire il mondo a modo suo. La caccia agli aironi, i lunghi pomeriggi malinconici, l'amicizia con i gatti, e il dolore per i distacchi dal venerato padrone.

La vita di un uomo agli occhi del suo cane può riservare molte sorprese. E viceversa. Perché, come c'insegna il protagonista, «se noi ci perdiamo quel che accade in "alta quota", voi vi perdete quel che accade rasoterra».

Io & Marley

I protagonisti sono una coppia: si tratta di John e Jenny i quali decidono, ricordando i tempi passati della gioventù, di adottare un cane che però, fin da subito, si rivela non essere come si aspettavano. Tutt’altro che perfetto, Marley riuscirà ugualmente a conquistare il loro cuore e i tre vivranno insieme grandi avventure.

The beagle’s

Il protagonista di nome Ebron combatte quotidianamente per cambiare il mondo. Incontra la crudeltà umana ma riesce sempre a trovare la soluzione. Un racconto esemplare quanto affascinante.

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

Luis Sepúlveda, autore del libro, racconta una storia in cui i protagonisti sono un bambino e il suo cane. Aufman, questo il nome del cane, ha avuto un passato difficile, fatto di sofferenza e solitudine. Utilizzato dai suoi padroni per fiutare i nemici, un giorno incontra un anziano il quale decide che sarebbe diventato l’amico perfetto di suo nipote. Nacque così una grande amicizia fatta di lealtà e fedeltà.

Il mio cane del Klondike

La storia raccontata in questo libro tocca da vicino uno dei temi caldi dell’estate: la protagonista trova sul ciglio della strada un cane abbandonato. Il cucciolo, divenuto ingombrante per i suoi vecchi padroni, è stato abbandonato senza ripensamenti. Tra i due si instaura un rapporto forte, tanto che una notizia inaspettata sembra turbare l’amico a 4 zampe.

Il cane nero

“Il cane nero può scatenare gli eventi più funesti”. Così, quando una mattina d’inverno si presenta fuori dalla casa dalla famiglia Hope, tutti scappano impauriti. Tranne la giovane Small, che saprà riportare la bestia alle giuste dimensioni. Un libro che insegna ai bambini (e non solo) a guardare in faccia e ad affrontare le proprie paure e le proprie ansie, non importa l’età. Magari scoprendo che non sono poi così tremende come uno pensa.

Tutto per un cane

Tre vite, quelle di un padre, di un figlio e di un cane, intrecciate in una storia che parla di incontri e separazioni, di abbandono e di rinascita, della morte e dell 'irrinunciabile ricerca della felicità che accompagna la vita.

Il richiamo della foresta

Una grande storia, una magnifica metafora del rapporto fra natura e creature vi-venti, un capolavoro capace di poesia e ferocia che parla al cuore dei lettori di o-gni età. Rapito e condotto tra i ghiacci del Klondike, all'epoca della febbre dell'o-ro, Buck viene picchiato e costretto a divenire un cane da traino, sperimentando i molteplici volti dell'animo umano, meschinità e grandezza, cupidigia e altruismo, aggressività e affetto.

Dalla parte di Bailey

Ogni volta che rinasce, Bailey è sempre più saggio e disinvolto, finché arriva Ethan, un bambino speciale che gli insegnerà il senso del gioco, della lealtà, dell'amicizia. Nelle vite successive, quando ormai, da cane poliziotto, si ritroverà capace di imprese straordinarie, sarà sempre Ethan il suo pensiero fisso e la persona che vorrà a tutti i costi ritrovare. E quando succederà, Bailey compirà per lui la sua azione più bella, più vera e più grande.

Silvia Silvestri 

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione