Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

         SALUTE

        di Alexander Badamchian

       

A+ A A-

Le ferite emozionali cosa sono e come possono influenzare anche il rapporto di coppia

“Non esistono esseri umani perfetti, ma esistono esseri umani in continua evoluzione, capaci di migliorarsi e cambiare il mondo, non solo se stessi” Maurizio Mastronardi. L’essere umano, per raggiungere uno sviluppo psicologico completo, ha bisogno fondamentalmente d’amore, seppur sotto diverse forme. Quando i genitori, anche facendo del loro meglio, non riescono per vari motivi a fornirlo in modo completo, a livello emotivo, si crea un vuoto proprio a causa di quelle mancate manifestazioni davvero indispensabili per una crescita equilibrata, questo poiché l’infanzia è un periodo fondamentale per lo sviluppo della nostra vita da adulti. Le principali necessità emotive di base, per un essere umano, sono dodici: accettazione, cura, fiducia, comprensione, incoraggiamento, ammirazione, riconoscimento, apprezzamento, conferma, approvazione, rassicurazione e rispetto; mentre le più comuni ferite emozionali che possono derivarne e che possono avere importanti ripercussioni in età adulta sono: la paura dell’abbandono, l’umiliazione, la paura del rifiuto, il timore di subire ingiustizie o la difficoltà a fidarsi. Le succitate necessità emotive, acquistano nel tempo un’importanza diversa, in sintonia con la nostra crescita affettiva e psichica e devono essere soddisfatte secondo i bisogni propri delle varie fasce d’età. Laddove queste necessità di base non saranno soddisfatte, verranno a formarsi le così definite ferite emozionali. Le mancanze sono decisive nei primi anni e poi costantemente richiamate nel corso della vita, poiché, se pur inconsciamente, inizia una vera e propria ricerca di qualcosa che possa colmare quel vuoto che si percepisce dentro e il rischio spesso è di sfociare in vizi e scappatoie, capaci di influenzare negativamente il proprio talento, potenziale, oltre che la propria natura positiva. Quando l’insieme dei bisogni di base è soddisfatto, il senso della vita, così come le nostre esigenze, non possono che essere più chiare, al contrario, la mancata soddisfazione dei bisogni emotivi e le relative conseguenze, possono sicuramente influenzare negativamente molti aspetti della vita così come, ad esempio, il rapporto di coppia. Concentrandoci sul rapporto di coppia, statisticamente, una relazione si interrompe il più delle volte, per due motivi: perché non ci si sente realmente accettati, oppure perché non si riesce ad accettare l’altro. Prima di prendere però scelte drastiche è importante tenere a mente che si hanno due possibilità di reazione per provare a rispondere diversamente a determinati impulsi e, ove possibile, sanare la coppia: curare l’altro facendoci carico dei suoi bisogni, ascoltandoli, ma prima ancora, prenderci cura del proprio sé più profondo, ritrovando un contatto reale con le mancanze e le necessità che ci caratterizzano, riconoscendole, quindi accettandole e mostrando senza filtri anche a chi si ha accanto ciò di cui si ha bisogno. Immaginandoci come una cipolla a strati, ci sono nel nostro inconscio ferite superficiali che sono più semplici da affrontare e sanare, ma anche di più profonde e dolorose, da cui spesso si tende a fuggire, con infinite giustificazioni o delegando istintivamente all’altro responsabilità, che in realtà non sempre ha. Consideriamo inoltre che la comunicazione è per il 93% non verbale e solo il 7% di tipo verbale quindi è principalmente il nostro comportamento ed atteggiamento che viene percepito da chiunque ci circonda. Esistono diversi avvenimenti che possono condizionare il nostro futuro anche se consciamente dimenticati e per poter superare questa silente ma logorante barriera del dolore e quindi, trovare un equilibrio anche con chi ci è accanto, è importante essere più consapevoli di chi siamo anche a livello emotivo. È importante comprendere le dinamiche di ciò che si agisce e di ciò che muove realmente le nostre scelte, affinché, nel bene o nel male, queste siano quanto più autentiche e in linea con ciò che davvero può procurarci benessere. E’ essenziale che le nostre paure siano affrontate, poiché il rischio è che influenzino l’intero corso della nostra vita, facendoci assumere atteggiamenti controproducenti, rispetto ai nostri obiettivi, desideri o aspirazioni personali e familiari. Le ferite emozionali non comprese e non elaborate che siano antiche o più recenti, ci incatenano ad una frequenza più bassa del nostro reale potenziale, conferendoci una posizione indotta che non sempre ci appartiene. Sanarle è assolutamente possibile e a volte, avere la possibilità di usufruire di uno specchio neutrale è un’occasione irrinunciabile, un aiuto concreto. Scoprirci è un viaggio senza fine e scoprire la natura delle nostre reazioni non può che darci sicurezza oltre che un potere esclusivo sulla nostra vita.

Dott.ssa Silvia Silvestri

Commenta l'articolo

 

Banner Marf

Editoriale

La tentazione pigliatutto della sindaca-segretaria. Ma ora lo Statuto dice che deve dimettersi

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Con il primo consiglio comunale parte ufficialmente l’amministrazione a guida...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato