Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Calcio Lega Pro Tim Cup, al Partenio passa l’Avellino, buona la prestazione del Matera

Allo stadio “Partenio” va in scena il secondo turno di Tim Cup. Di fronte Avellino e Matera. Due formazioni con prospettive di alta classifica con speranze di promozione ognuno nel proprio girone. Stadio con 5 mila spettatori. Un centinaio circa i tifosi biancoazzurri giunti in Campania. Pronti, via. Passano appena 3 minuti e per un guasto si spengono alcuni riflettori dello stadio e l’arbitro, il termolese Antonello Balice ferma il gioco e manda negli spogliatoi i 22 giocatori in attesa che il tutto venga ripristinato. Dopo 13 lunghissimi minuti si ritorna in campo. Palla al centro e l’Avellino riparte con l’intento preciso di fare risultato. Gli uomini di mister Novellino giocano con caparbietà e convinzione tutte le palle in loro possesso creando diversi pericoli agli undici lucani. Un’incursione del centrocampista avellinese, Molina mette scompiglio nell’area avversaria ma il Matera se la cava al meglio evitando il calcio d’angolo. Appena 6 minuti dalla ripresa dell’incontro è l’undici di casa è in vantaggio. Proprio il capitano biancoverde D’angelo porta in vantaggio la propria squadra. Cross di Molina con De Franco che non è perfetto e favorisce D'Angelo. Destro dal limite del numero 8 biancoverde che trova la sfortunata deviazione di Stendardo che spiazza Golubovic che nulla poteva fare! Match subito in salita per la formazione biancoazzurra. Il Matera reagisce ma senza costrutto. Il gioco molto approssimativo dei Lucani con molti giocatori non al meglio della condizione fisica non permettono di dare incisività e costanza agli affondi verso la porta dei padroni di casa. Infatti le azioni degli uomini di Novellino si fanno sempre più pericolosi, come quando un gran gran pallone di Rizzato per Castaldo che davanti a Golubovic si divora il più facile dei gol: sfera a lato che dà l'illusione ottica del raddoppio.Matera troppo lezioso. Avellino che si chiude molto bene e biancoazzurri che faticano a trovare spazio. Allasupremazia dei biancoverdi del primo tempo, il Matera replica con una buona partenza nella seconda frazione di gioco. È Casoli che sulla sinistra prova a seminare il panico, Migliorini, però, è lesto nel chiudere tutto. Poi un goal annullato al Matera. Strambelli, nel battere a rete sembra aver strattonato Molina. Al 61° minuto Auteri intravede delle possibilità per pareggiare è inserisce un attaccante più rapido come Sartore richiamando in panchina Maimone. Proprio Sartore che al 63° minuto ha la chance per pareggiare i conti ma il suo buon diagonale termina di poco al lato. Matera vicino al pareggio: gran pallone per Corado che in piena area prova la perfetta incornata, sfera di poco a lato, con Radu che non poteva fare nulla. Ma l’Avellino non sta a guardare e tra il 70° minuto e il 73° annota due occasioni per raddoppiare e triplicare il risultato. Al minuto 70esimo minutosugli sviluppi della punizione, Camara si ritrova fra i piedi il pallone, prova un tiro a giro e la sfera termina di un niente a lato. Al minuto 78esimo altra chance per l'Avellino: Falasco trova Bidauoi che scarica nuovamente per il neoentrato che ci prova in piena area: sfera di pochissimo alta. L’ ultima occasione è proprio per l’undici di Auteri.Al minuto 88 simo bella azione con Sartore che serve di Lorenzo che prova un bel tiro con Radu che compie un autentico miracolo, deviando in corner. Era la chance per pareggiarla.L'Avellino vince nel terzo turno, il prossimo 12 agosto, affronterà l'Hellas Verona. Matera esce a testa altissima da questo test, altre risposte positive, soprattutto nella ripresa, dove i biancoazzurri le hanno provate tutte.

Avellino (4-1-4-1): Radu; Laverone, Suagher, Migliorini, Rizzato; Di Tacchio; Molina (21′ st Camarà), Moretti, D’Angelo (29′ st Falasco), Bidaoui (41′ st Ngawa); Castaldo.

A disp.: Lezzerini, Pecorini, Kresic, Ngawa, Asencio. All.: Novellino.

Matera (3-4-3): Golubovic; De Franco, Stendardo, Scognamillo; Di Lorenzo, Salandria, Maimone (16′ st Sartore), Casoli; Strambelli (27′ st Battista), Corado (36′ st Maciucca), Giovinco.

A disp.: Mittica, De Rose, Hisaj, Dugandzic, Dellino. All.: Auteri.

Arbitro: Balice di Termoli. Assistenti: Robilotta di Sala Consilina e Luciano di Lamezia Terme. Quarto uomo: Nasca di Bari.

Rete: 23′ D’Angelo (A)

Note: Campo in ottime condizioni. Ammonito al 37′ pt Corado per gioco scorretto e al 25′ st Scognamillo per gioco scorretto; al 44′ st Ngawa per gioco scorretto.

Angoli 9-4 per il Matera

Spettatori 5000 circa.

 

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

I 18 anni di mio figlio autistico. Finché c’è scuola c’è speranza, e oltre la…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

E così mio figlio autistico ha compiuto i 18 anni...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato