Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Calcio, Lega Pro. Il Matera festeggia. Battuta la Fidelis Andria

Al XXI settembre IL Matera batte la fidelis Andria 2-1. Il 17 porta fortuna ai lucani. Finalmente alla 17° giornata gli undici di Auteri trovano tre punti importanti per la classifica. Tutto secondo copione. I lucani cercavano una vittoria per poter dare continuità al successo ottenuto settimana scorsa contro la Virtus Francavilla e ritornare in zona play off. Visto il forfait di Angelo, Auteri mette in campo ilclassico 3-4-3 con Golubovic in porta, difesa guidata da De Franco al centro, con Scognamillo e Buschiazzo.Centrocampo De Falco e Maimone.Sulle corsie esterne, a destra Casoli con Sernicola a sinistra. In avanti, Corado il ruolo di unica punta. con i due esterni saranno Strambelli a destra e Giovinco a sinistra. Parte forte il Matera che già al 4’ crea un paio di spunti che però non hanno avuto buon esito. Al 9’ Sernicola. Prima chance per i biancoazzurri.Bel pallone di De Falco a tagliare per Sernicola che in piena area, e tutto solo davanti a Maurantonio, non trova il giusto aggancio: la sfera termina sul fondo questione di centimetri. Al 13’ Ancora Matera. Questa volta è Sernicola a mettere un bel pallone per Casoli che prova l'incornata: non una delle migliori. Sfera che termina di poco a lato. Dieci minuto dopo si fanno vedere in pugliesi creando un brivido alla retroguardia lucana. Clamoroso errore dei biancoazzurri che lasciano tutto solo Bottalico che entra in area, ma non riesce ad essere cinico, con Golubovic di fronte, manda a lato. Matera graziato. Ma il Matera prova a riprendere in mano la partita. Al 31’ ci prova Giovinco. Il Matera si conferma sprecone ancora una volta. Ottima apertura di Maimone che trova Corado che si incunea in area, palla per Giovinco che tutto solo calcia davvero male: palla sul fondo. Cinque minuti dopo, al 36’ è il lucano Coradoa creare dei brividi alla difesa dei pugliesi.Gran pallone per l'argentino che scatta sul filo del fuorigioco: Maurantonio anticipa l'uscita, Corado lo dribbla e ci prova, ma in extremis un difensore manda in rimessa laterale. Un minuto dopo al 37’ De Falco pennella un ottimo pallone per Giovinco che ci prova con un bel diagonale: sfera di pochissimo a lato. È l’ultima azione vera della prima frazione di gioco. La seconda frazione di gioco riprende con un Matera molto più volitivo ed intraprendente nel cercare e concretizzare il vantaggio. Al 47’ ci prova da subito l’ex barese Strambelli.Dalla bandierina il numero 10 biancoazzurro: Maurantonio, blocca senza problemi. Ma il vantaggio è nell’aria. Arriva al 50’ con Casoli. Bellissima incursione di Strambelli, dopo una palla recuperata a metà campo: Il numero 10 mette al centro, respinta corta di Maurantonio, ma Casoli si trova lì e non può che stampare in rete per il vantaggio. A questo punto il Matera ci crede e continua a giocare cercando il raddoppio. Le lancette dell’orologio segnano il 61’ quando l’arbitro agrigentino Fabio Pasciuta, deve annotare sul proprio taccuino la rete del raddoppio per il Matera. Bel pallone di Sernicola, non perfetta la Fidelis che allontana: assist perfetto, invece, per Maimone che al volo la piazza all'angolino. Doppio vantaggio adesso. La Fidelis Andria reagisce e al 75’ si butta a capofitto in avanti cercando la rete che possa riaprire la sfida. Il sogno si realizza all’71’ quando una clamorosa ingenuità del difensore materano Buschiazzo che intercetta con la mano in area: è rigore.Sul dischetto ci va Lattanzio ma è Golubovic che si distende, deviando in corner. Manco il tempo di esultare alla parata del proprio portiere che il Matera subisce la rete da parte dei pugliesi.La Fidelis Andria riapre la partita. Al 80’ Celli, in piena area, approfitta di una mischia e batte Golubovic.Auteri corre ai ripari. Esce Strambelli ed entra Urso per cercare di coprire di più a centrocampo. Dopo 5 minuti di recupero la partita finisce e il Matera porta a casa tre punti meritati ma quanta sofferenza. Importante era dare continuità all'ultima vittoria.

MATERA (3-4-3): 1 Golubovic; 5 Scognamillo, 2 Buschiazzo, 28 De Franco; 27 Casoli (81' - 8 Salandria), 20 Maimone, 14 De Falco, 17 Sernicola; 10 Strambelli (90' - 23 Urso), 19 Corado (70' - 9 Dugandzic), 11 Giovinco (81' - 7 Sartore). A disposizione: 22 Tonti, 12 Mittica, 16 Dammacco. Allenatore: Gaetano Auteri.

FIDELIS ANDRIA (3-5-2) 1 Maurantonio; 19 Celli, 25 Quinto, 6 Rada; 2 De Giorgi, 17 Esposito (88' - 7 Barisic), 8 Piccinni (88' - 11 Matera), 23 Bottalico (55' - 29 Nadarevic), 16 Minicucci (65' - 14 Tiritiello); 9 Croce (55' - 13 Scaringella), 10 Lattanzio. A disposizione: 22 Cilli, 4 Allegrini, 5 Colella, 18 Ippedico, 20 Di Cosmo, 24 Paolillo, 29 Nadarevic. Allenatore: Aldo Papagni.

ARBITRO: Fabio Pasciuta di Agrigento. ASSISTENTI: Giuseppe Di Giacinto di Teramo e Andrea Micaroni di Chieti.

Reti: 50' Casoli (MA); 63' Maimone (MA); 85' Scaringella (FA)

NOTE: Ammoniti: 44' Piccinni (FA); 53' De Falco (MA); 58 Rada (FA); 72' Scognamillo (MA); 89' Buschiazzo (MA). Angoli: 4-1 per il Matera. Spettatori: 1600 circa di cui 250 tifosi dell’Andria. Recupero: 0' p.t.;5' s.t.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

I 18 anni di mio figlio autistico. Finché c’è scuola c’è speranza, e oltre la…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

E così mio figlio autistico ha compiuto i 18 anni...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato