Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Lega Pro, Girone C: pareggio tra Matera e Reggina. Dugandzic illude, Sparacello beffa

Al XXI settembre finisce 1-1 tra Matera e Reggina. Ancora punti sprecati per l’undici lucano di Mister Auteri. Il Matera era chiamato a non sbagliare dopo i due k.o. di inizio 2018. I granata reggini con molte defezioni si sono presentati in Lucania ringalluzziti dagli ultimi positivi risultati. Abbandonato l’esperimento di Cosenza del 3-5-2, Auteri torna al classico 3-4-3 con l’esordio in difesa di Gigli e De Franco centrali e Sernicola sulla parte sinistra del campo. Centrocampo con Casoli, De Falco, Maimone, Angelo. Attacco con l’esordio dell’ex Fondi, Tiscione e Dugandzic con Sartore un passo indietro sulla parte sinistra dell’attacco. Il Mister Maurizi con il suo 3-5-2 senza Mezavilla e Porcino entrambi pare con le valigie pronte. Assente De Francesco sostituito da Fortunato con Provenzano in panchina. In attacco il mister reggino con le punte Bianchimano e Sparancello. Palla al centro e dopo appena pochi minuti, al 3’, la Reggina è già dalle parti dell’estremo difensore lucano. Azione orchestrata da Marino che serve Hadziosmanovic che trova Castiglia: sfera a lato con Golubovic attento. Risponde il Matera al 5’. Sartore mette palla al centro per Tiscione ma Cucchietti anticipa tutti, bloccando senza particolari problemi. All’11’ è De Falco ad impensierire la difesa ospite. Dagli sviluppi del corner, ottimo pallone per Da Falco che dal limite dell'area prova la botta. Sfera che termina di pochissimo a lato. Al 20’ minuto il nuovo arrivato Tiscione ci prova a botta sicura grandissima parata di Cucchietti che devia in corner, salvando i suoi. Squillo della Reggina al 26’. Botta del numero 9 che chiama alla deviazione Golubovic. Il Matera vuole il Vantaggio e lo cerca con più convinzione dei calabresi. È il 28’ quando Sartore prova la conclusione in piena area, ancora decisivo Cucchietti che dice di no. Il vantaggio però è nell’aria. Passano appena 11 minuti e al 39’ il Matera sblocca il risultato con il croato Dugandzical secondo gola consecutivo. Il gol: da calcio d'angolo, serie di batti e ribatti, non perfetto Armeno nella deviazione. Palla che arriva a Dugandzic che non sbaglia da pochi passi. Il Matera è in vantaggio: 1-0 al XXI settembre. La Reggina non ci sta allo svantaggio e reagisce. Al 44’ ospiti ad un passo dal pareggio. Ci prova prima Sparacello, esce Golubovic, poi Laezza a porta vuota: sfera che termina di pochissima alta sopra la traversa. Ma il Matera va vicino al raddoppio con Tiscione. Ottima giocata di Sartore che in piena area appoggia sull'esterno ex Fondi che da ottima posizione calcia altissimo. Un Matera galvanizzato dal vantaggio continua a martellare il centrocampo e la difesa ospite anche nella seconda frazione di gioco che si apre con il pallino del gioco sempre nelle mani del Matera che può gestire la partita come meglio crede. La Reggina, si fa vedere dal 16’ in poi con azioni ficcanti e un intenso pressing. La svolta per i calabresi arriva al 22’ con la rete a freddo del pareggio. Botta dalla distanza di Hadziosmanovic, non perfetto Golubovic nella deviazione. La difesa biancoazzurra si dimentica Sparacello che stampa in rete. È 1-1 al XXI settembre. La partita a questo punto prende una piega diversa. A fare il gioco è la Reggina che in alcune circostanza mette paura alla tifoseria materana. Matera che non riesce a trovare spunti in avanti. Lucani in forcing nell’ultimo quarto d'ora senza creare nulla di concreto. Doppio cambio per i biancoazzurri: escono Tiscione e Sartore, entrano Battista e Giovinco. E arriva un altro corner da parte della Reggina. Partita che resta molto nervosa. A farne le spese nei minuti finali e Auteri che viene espulso per protesta Di Battista viene ammonito nei 5 minuti di recupero. Regge il Muro della Reggina contro un Matera incapace di sfondarlo. Matera nella prima frazione del gioco pimpante e pericolosa. Secondo tempo Lucani assenti e opachi. Un punto che non serve a cambiare la posizione dei lucani in classifica. Reggina che ha creduto e combattuto per portare via un pareggio che alla fine pare meritato.

MATERA (3-4-3): Golubovic, Gigli, De Franco, Sernicola, Casoli, De Falco, Maimone, Angelo, Tiscione (dal 42’ st Battista), Dugandzic (dal 29’ st Di Livio), Sartore (dal 42’ st Giovinco). A disposizione: Tonti, Mittica, Di Sabatino, Taccogna, Dammacco. Allenatore: Auteri.


REGGINA (3-5-2): Cucchietti, Pasqualoni, Laezza (dal 2’ st Auriletto), Ferrani, Hadziosmanovic, Fortunato, Castiglia (dal 29’ st Provenzano), Marino (dal 36’ st Giuffrida), Armeno, Bianchimano, Sparacello (dal 36’ st Tulissi). A disposizione: Licastro, Turrin, Gatti, Amato, Condemi, Bezziccheri. Allenatore: Maurizi.


ARBITRO: Cipriani di Empoli.
RETI: al 38’ pt Dugandzic (M), al 22’ st Sparacello (R).
NOTE: Espulsi: al 37’ st Auteri (allenatore Matera) per proteste. Ammoniti: De Franco, Battista (M) e Condemi (R). Angoli: 9-5 per il Matera. Recupero: 2’ p.t e 5’ s.t Spettatori: 2000 circa con un ventina dei quali provenienti da Reggio Calabria.


Oreste Roberto Lanza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Banner Marf

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione