Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Giro d’Italia, Viviani concede il bis e vince a Eilat. Maglia Rosa Dennis

 

Elia Viviani, della Quick Step. ha vinto la terza tappa del Giro d’Italia 2018.L’ultima tappa in Israele, la terza del Giro d’Italia la più lunga prevista in 229 chilometri, se l’aggiudicata l’italiano Elia Viviani in 5 ore 2’ e 09’’. Seconda vittoria in questo inizio del Giro d’Italia, terza vittoria in carriera sempre al giro in rosa che ha dato prova di forza e capacita da grande professionista. Percorso destinato alle ruote veloci del gruppo, dove il vento poco ha condizionato la marcia dei 175 corridori. Partenza da Be’er Sheva con temperatura a 31° e un vento moderato che per tutto il percorso non ha superato la velocita di 24 chilometri orari spirando da Nord7Nord-Est. Arrivo con temperatura appena al di sopra di 33° C. Una tappa con 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al secondo traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Previsti inoltre 90 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino, classifica con 989 punti rimasti, 3 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore con 556 punti rimasti. Pronti via. Tre uomini scattano subito in velocita lasciando il gruppo a parecchi minuti. Si tratta di Marco Frapporti, Guillaume Boivin e Barbin della Bardiani Csf. Una marcia che dura fino all’inizio delle prime rotatorie e a 6 km dalla fine il gruppo riprende i tre ormai sfiniti dalla lunga pedalata facendo uscire i velocisti pronti allo scatto finale. Nel Gruppo Elia Viviani, Sam Bennet, Sacha Modolo, Tom Dumoulin, George Bennet, Ben O’ Connor e Mareczko Jakub. Agli ultimi 800 metri scatta Elia Viviani sulla parte destra lo segue a ruota Sam Bennett nella parte centrale del percorso a ruota anche Sacha Modolo. L’ultima e vincente pedalata è dell’italiano Viviani che di pochi centesimi di secondo arriva sul traguardo mettendo dietro Modolo e Bennet che aveva creduto nell’impresa finale. Finale.  Primo Viviani, secondo Modolo e terzo Bennet. Appena quarto Jakub Mareczko. Quinto Poppel della Team Lotto. Bene ancora oggi il Lucano Domenico Pozzovivo che fa registrare la 37esima posizione ma resta al nono posto in classifica generale con un ritardo dalla maglia rosa di appena 28’’. Un tragitto percorso alla media di 70chilometri orari e con 85 pedalate in media al minuto per ogni singolo corridore. Rohan Dennis ancora in maglia rosa, dietro Tom Dumoulin ad appena 01’’. Ora il giro si ferma due giorni per permettere il trasferimento in Sicilia da dove partirà la terza tappa. Si riparte mercoledì 9 maggio con la tappa Agrigento- Santa Ninfa nella valle del Bellice di 153 chilometri. Tappa pianeggiante lungo la costa nella prima parte che si svolge lungo la statale 115 salvo l’attraversamento cittadino piuttosto articolato di Sciacca. Finale in discesa leggera fino ai 2200 m. Ultimo km dapprima in leggera discesa e in seguito sempre in leggera salita. Retta finale di 250 m su asfalto larga 7.5 m.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione