Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Giro d'Italia, sullo Zoncolan trionfa Froome. Grande prestazione di Pozzovivo, terzo in classifica generale

 

Impresa del britannico Chris Froom del Team Sky nella 14^ tappa del Giro con arrivo sullo Zoncolan. Alle sue spalle Simon Yates che conserva la maglia rosa. Terzo Domenico Pozzovivo con appena 23 secondi di ritardo. Tom Dumoulin limita i danni. Fabio Aru perde più di due minuti. Il britannico vince con il tempo di 5 ore 25 minuti e 30 secondi. Tappa di montagna dura con finale durissimo. Il Monte Zoncolan è considerato la salita più dura d’Europa: 10 km al 12% di media con punte del 22%. Ad una media di 34 chilometri orari la 14^ tappa da San Vito al Tagliamento-Monte Zoncolan di 186 chilometri con la salita più dura d’Europa ha destato emozione fortissima per la durezza del percorso creatosi ai corridori ai 10 chilometri dall’arrivo. Fino a San Daniele,strade larghe e diritte. Prima di raggiungere la Carnia si è scalato il Monte di Ragogna, sempre oltre il 10% fino al 16% e la più dolce salita di Avaglio. Poi la strada per Paularo dove inizia il Passo Duron con salita molto breve e dura con tratti attorno al 18%. Discesa su Sutrio sulla Sella Valcalda prima di arrivare a Ovaro dove è iniziata la salita finale. Per la classifica generale erano in gioco 13 secondi di abbuono. Appena 3 al secondo traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Inoltre 31 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino e 71 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore. Alla partenza i corridori sono in 166 per il forfait diWellense Scully. Primi scatti e riprese dal gruppo in maglia rosa. Al passaggio di Aveglio, gran premio della montagna, si presentano in 4, MontagutiContiMosca, Didier. Al secondo gran premio della montagna in testa va Vincenzo Conti, poi Montaguti, Gavazzi, Barbin e Didier. Ai 18 chilometri dal traguardo il gruppetto si allunga. Barbin e Vincenzo Conti restano in testa seguiti da Montaguti e Didier. Subito ancora dietro il gruppo maglia rosa dove cominciano a fare la prima apparizione i corridori della Bahrain- Mérida con Giovanni Visconti e Domenico Pozzovivo. Ai 9 chilometri e 700 metri inizia “la montagna terribile” e il quadro generale cambia nettamente. I battistrada iniziali vengono poco a poco risucchiati dal gruppo. Restano a fare da apripista soltanto l’italiano Vincenzo Conti e Barbin. Dal gruppo esce a sorpresa Igor Antón Hernandez, che ai 7 chilometri raggiunge e supera Vincenzo Conti. Il gruppo è lì vicino e si riprende la corsa creando un gruppetto con appena 15 corridori tra i quali FrommeDumoulin, Pinot, la maglia rosa YatesDomenico Pozzovivo, Lopez Moreno. Al chilometro e mezzo scatta Froome che distanzia di poco il gruppetto con la maglia rosa Yates e con il capitano della Bahrain. Mérida Pozzovivo che cerca di prendersi la testa della corsa. Ci riesce solo per un attimo. Poi c’è lo scatto della maglia rosa Yates che tenta di fare l’impossibile, riprendere Froome, Ci va molto vicino. Ma ai 500 metri dal traguardo rinuncia per la stanchezza ormai sulle gambe. Vince Chris Froome a 50 metri la maglia rosa Simon Yates. Domenico Pozzovivo in grande giornata terzo che ha dimostrato di saper fare bene lo scalatore e di essere espertissimo dello Zoncolan guadagnandosi 4 secondi di abbuono. In Classifica generale Yates resta maglia rosa distaccando Dumoulin a 1 minuto e 24 secondi. Da stasera Domenico Pozzovivo è terzo dalla maglia rosa.

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Editoriale

Popolarismo e populismo, politica e antipolitica. La lezione di Sturzo dopo un secolo

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Sono parenti ma non sono la stessa cosa. Popolarismo e...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione