Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Giro d’Italia, poker di Viviani. Yates resta in rosa. Terzo Pozzovivo

 

La diciassettesima tappa del centunesimo Giro d’Italia, la Franciacorta Stage Riva del Garda-Iseo, di 155 km è della maglia ciclamino Elia Viviani corridore della Quick Step. Il suo è il quarto successo in questo Giro, due vittorie in Israele e quella di Nervesa della Battaglia. Tappa molto articolata nella prima parte e costellata di attraversamenti cittadini nella seconda. Tredici i secondi di abbuono in palio per la classifica generale, 3 al secondo traguardo volante e dieci sul traguardo finale per il primo classificato. 90 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino e sette punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore. Partenza in salita con 159 corridori presenti. Due lunghe gallerie che hanno portato a Molina di Ledro e Bezzecca per scendere verso il Bresciano dove si supera il GPM di Lodrino. Poi una discesa risultata molto impegnativa dopo Polaveno fino alla zona del Franciacorta.Alcuni centri abitati hanno fatto da cornice e molte le curve secche e passaggi a livello fino alla linea del traguardo di Iseo con il circuito finale di 23, 9 chilometri.A 6 chilometri dall’arrivo ultimo passaggio a livello. Gli ultimi 5 chilometri impegnativi con diverse rotatorie fino all’ultima di ampio raggio a circa 500 m dall’arrivo. Frazione agitata e intensa fin dai primi chilometricaratterizzata da vari tentativi di fuga. I continui strappi e la media elevatissima superiore ai 43 chilometri orari procurano un frazionamento nel gruppo, con Chris Broome e Rohan Dennis che restano attardati di una trentina di secondi a inizio tappa, non venendo però “puniti” dalla maglia rosa Simon Yates e dalla sua squadra, la Mitchelton – Scott. Alessandro De Marchi (BMC) e Luis Leon Sanchez (Astana), tra i più attivi e unici superstiti di una fuga molto più corposa cominciata dopo pochi chilometri dal via, che ai meno 15 chilometri hanno un vantaggio di 13’secondi sul gruppo. La pioggia bagna solo parzialmente la corsa, con il gruppo che trainato dalla Lotto Fix All a tutta velocità annulla per l’ennesima volta la fuga di giornata a 11 chilometri dalla conclusione. Poi di nuovo la pioggia, questa volta copiosa, la fa da protagonista fino alla fine del percorso. Gruppo compatto agli ultimi metri con i velocisti che si preparano allo scatto finale. Allo sprint, su un asfalto bagnato ad imporsi è ancora Elia Viviani della Quick Steep in 3 ore 19 minuti e 57 secondi. Secondo Sam Bennett, terzo Niccolò Bonifazio. Invariata la classifica generale, con Simon Yates davanti a Tom Dumoulin, Domenico Pozzovivo e Chris Froome. Tra venerdì e sabato si deciderà probabilmente il Giro 2018. Domani 18^tappa Abbiategrasso - Prato Nevoso con arrivo ai 1607, con due gran premi della montagna. Il primo antipasto delle Alpi. 

Oreste Roberto Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta l'articolo

 

Banner Marf

Editoriale

2 aprile: accendiamo di blu il cielo sui nostri figli autistici. Una riflessione sui centri…

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

La giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo di quest’anno non è...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione